Indietro

Le Cappelle Medicee

Formano parte del complesso monumentale di San Lorenzo. La Chiesa di San Lorenzo fu la Chiesa ufficiale dei Medici e poi il loro mausoleo. Il progetto della tomba di famiglia fu concepito nel 1520 quando Michelangelo iniziò i lavori della Nuova Sagrestia.

Fu soprattutto il Cardinale Giulio de' Medici, futuro Papa Clemente VII, a desiderare l'erezione di un mausoleo per alcuni membri della sua famiglia: Lorenzo il Magnifico e il fratello Giuliano, Lorenzo, Duca di Urbino e Giuliano, Duca di Nemours.

Michelangelo lavorò sulle sculture dei sarcofagi fino al 1533, ma le sole completate furono le statue dei Duca Lorenzo e Giuliano, le allegorie dell'Alba e del Tramonto, del Giorno e della Notte, e il complesso Madonna con Bambino messa sopra il sarcofago dei due "magnifici". A fianco ci sono i Santi Cosimo e Damiano.

Come risultato della complessa storia della cappella e del suo elaborato simbolismo, molte interpretazioni sono state fatte delle sculture. Le pose delle due figure principali rappresentano la vita attiva e contemplativa, mentre le famose statue sul sarcofago si riferiscono probabilmente alle condizioni e alle fasi della vita umana e alla liberazione dell'anima dopo la morte, un concetto filosofico strettamente collegato con la spiritualità di Michelangelo.


© 1997-2014 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it