Indietro

Accademia Belle Arti Firenze: anno accademico n° 236

Inaugurazione di sabato alle 10 alla Sala del Cenacolo. La cerimonia sarà aperta al pubblico

L'Accademia di Belle Arti inaugura il suo 236° anno accademico con una cerimonia pubblica che si terrà domani (con inizio alle 10) alla Sala del Cenacolo, in via Ricasoli 66. 

La giornata inizierà con i saluti istituzionali della vicesindaca Cristina Giachi, del presidente Carlo Sisi e del direttore Claudio Rocca, e l'intervento dei rappresentanti della consulta degli studenti. Seguirà la proclamazione di sei accademici d'onore e la nomina di Adriano Bimbi e Marco Cianchi a professore emerito. Chiuderà la giornata un concerto del Quartetto Amaranto del Conservatorio "Luigi Cherubini" di Firenze.
Quest'anno fra le personalità illustri che saranno insignite del titolo di accademico d'onore il fotografo cinese Zeng Yi - primo nel Paese asiatico a ricevere questa onorificenza - il direttore del Museo dell'Opera del Duomo, Monsignor Timothy Verdon, Federico Tiezzi e Sandro Lombardi per l'arte drammatica. Due le donne: l'artista Lucia Marcucci, tra i principali esponenti della Poesia Visiva in Italia, e la direttrice del Frankfurter Kunstverein, Franziska Nori.
La cerimonia di Inaugurazione dell'anno accademico sarà l'occasione per il fare il punto sull'anno appena trascorso e sui progetti che l'Accademia si appresta a portare avanti nel 2020, primo fra tutti l'imminente trasferimento di una parte dei corsi alla Manifattura Tabacchi e, più in generale, un riassetto degli spazi che prevede la ristrutturazione di quelli esistenti e l'acquisizione di nuovi immobili per agevolare lo svolgimento delle attività didattiche e facilitare quelle di produzione artistica, come l'Oratorio dei Pretoni, concesso dall'Agenzia del Demanio nelle scorse settimane.


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it