Indietro

Agroalimentare — rubrica a cura di Nicola Novelli

Al Mercato Campagna Amica delle Cascine protagonista la pastasciutta

Oltre 40 chili di prodotto alla festa degli imprenditori agricoli di Siena

Una grande folla di cittadini ha partecipato ieri mattina al Mercato Campagna Amica delle Cascine alla “prima” fiorentina della nuova iniziativa Coldiretti “Stop Cibo Falso” la petizione indirizzata al Parlamento Europeo finalizzata a introdurre l’obbligatorietà dell’indicazione del Paese d’origine o luogo di provenienza dell’ingrediente primario di un alimento. Obiettivo della petizione chiedere al Parlamento Europeo chiari indirizzi alla Commissione affinché in tutti i negoziati commerciali sia garantita, senza eccezioni, l’effettiva indicazione dell’origine degli alimenti e quella degli ingredienti evitando citazioni di dubbia interpretazione. La raccolta di firme rivolta al Presidente del Parlamento Europeo viene avviata da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica in ogni farmers’ market d’Italia e on line sui siti www.coldiretti.it e www.campagnamica.it

“Si tratta dell’avvio di una mobilitazione popolare nei confronti dell’Unione Europea per fermare il cibo falso e proteggere la salute, tutelare l’economia, bloccare le speculazioni e difendere l’agricoltura italiana – ha detto Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana -Nonostante i passi in avanti, infatti, permangono ancora ampie zone d’ombra e ogni giorno rischiano di finire nel piatto alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano i ripetuti allarmi alimentari che si propagano rapidamente a livello planetario per la mancanza di trasparenza: dall’ultimo caso del latte in polvere francese alla salmonella per i bambini alla carne di cavallo spacciata per vitello nei ragù, dai prosciutti ottenuti da maiali olandesi alimentati con mangimi alla diossina fino al succo di arance brasiliane trattate con il carbendazim, un pesticida vietato in Europa”. Tante le firme raccolte tra le quali quella di Cecilia De Re, Assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze. Nella piazza che ospita il mercato settimanale dei prodotti a km zero targato Coldiretti si è anche festeggiato il risultato raggiunto dopo un dura battaglia durata anni: da questa settimana è entrato in vigore il decreto sull’indicazione in etichetta dell’origine obbligatoria del grano utilizzato per la produzione della pasta. Un successo targato Coldiretti che permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella pasta e mette fine all’inganno dei prodotti importati, spacciati per nazionali, in una situazione in cui un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero. Per festeggiare quale miglior modo se non quello di degustare tanta buona pasta italiana al 100% con bambini che diventavano piccoli chef imparando a fare la pasta a mano con la guida dell’Agrichef di Campagna Amica Francesca Buonagurelli dell’Azienda Agrituristica Al Benefizio di Barga (Lu) .

“L’indicazione di origine – sottolinea Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana – permette di contrastare quelle imitazioni che ogni anno sottraggono 60 miliardi di euro all’economia dell’Italia, consente di prevenire le falsificazioni e le pratiche commerciali sleali che danneggiano la nostra economia, rafforza la lotta alle agromafie e la difesa contro le grandi multinazionali del cibo che hanno interesse ad occultare l’origine delle materie prime”.

L’obbligo di indicare in etichetta l’origine è una battaglia storica della Coldiretti che con la raccolta di un milione di firme alla legge di iniziativa popolare ha portato all’approvazione della legge n.204 del 3 agosto 2004. L’Italia, sotto il pressing della Coldiretti, il 13 febbraio 2018 ha fatto scattare l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del grano per la pasta e del riso, ma prima c’erano stati già diversi traguardi raggiunti: il 19 aprile 2017 è scattato l’obbligo di indicare il Paese di mungitura per latte e derivati dopo che il 7 giugno 2005 era entrato già in vigore per il latte fresco e il 17 ottobre 2005 l’obbligo di etichetta per il pollo Made in Italy mentre, a partire dal 1° gennaio 2008, vigeva l’obbligo di etichettatura di origine per la passata di pomodoro. A livello comunitario – conclude la Coldiretti – il percorso di trasparenza è iniziato dalla carne bovina dopo l’emergenza mucca pazza nel 2002, mentre dal 2003 è d’obbligo indicare varietà, qualità e provenienza nell’ortofrutta fresca. Dal primo gennaio 2004 c’è il codice di identificazione per le uova e, a partire dal primo agosto 2004, l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di origine in cui il miele è stato raccolto.

“Oggi è un giorno di festa dopo lunghe battaglie e Coldiretti Siena vuole festeggiare insieme ai produttori di grano del territorio e ai consumatori, quello che è un grande atto di democrazia verso gli uni e gli altri”. Il direttore di Coldiretti Siena Simone Solfanelli apre così la giornata che ha richiamato centinaia di produttori della provincia di Siena a Ponte a Tressa, per festeggiare insieme i grandi risultati ottenuti. “Adesso chi compra la pasta sa dove è stato prodotto e lavorato il grano. Le grandi lobby osteggeranno tutto questo ma ci troveranno sempre in prima linea a combattere perché vogliamo per produttori e consumatori tutela della salute nel piatto, non solo prodotti saporiti”.

È un giorno di festa, e si legge a chiare lettere nelle espressioni dei tanti imprenditori agricoli arrivati per la giornata di Coldiretti dal nord al sud della provincia insieme alle famiglie: per l’occasione sono stati consumati oltre 40 kg di pasta rigorosamente del territorio. Un appuntamento conviviale che ieri ha visto anche la consegna di riconoscimenti da parte di Coldiretti agli associati veterani.

Fotogallery


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it