Indietro

Coronavirus: online gli incentivi per imprese, professionisti, autonomi e subordinati

Contributi revocati e da restituire: rate sospese, si tornerà a pagare a luglio

E' online sul sito della Regione Toscana la nuova edizione della ‘Guida di orientamento agli incentivi per le imprese e liberi professionisti' aggiornata al 5 aprile 2020 contenente una sezione speciale con le misure prese a seguito della pandemia da Covid19. Curata da 12 anni, con aggiornamenti periodici, dal Settore politiche e iniziative per l’attrazione degli investimenti della Direzione generale della Giunta, questa prima edizione del 2020, che consta di 80 pagine, è stata realizzando dedicando uno specifico spazio a tutte le misure emanate a seguito della crisi economica da Coronavirus.

“Ringrazio gli uffici – afferma l'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo – per il lavoro svolto aggiornando, quasi in tempo reale, la pubblicazione. Sono stati inserite tutte informazioni contenute nei provvedimenti presi in queste settimane da più enti e rivolti a tanti soggetti, rendendole di facile lettura e raggruppandole per aree di interesse e beneficiari. In quella vera e propria di selva di testi tra Dpcm, Decreti, ordinanze e provvedimenti di varia natura, si fornisce così un primo orientamento sulle agevolazioni a cui possono accedere grandi, piccole, medie e micro imprese, cooperative, professionisti, lavoratori autonomi e subordinati”.

La guida illustra gli incentivi e le agevolazioni per imprese industriali, artigiane, turistiche e commerciali ed agricole. Dal microcredito alle garanzie, dal credito d’imposta per canoni di locazione e sanificazione ambienti di lavoro al fondo emergenze per il settore spettacolo, cinema e audiovisivo o per quelli aereo o crocieristico. Dal bonus 600 euro a quello baby-sitting. Ogni incentivo e agevolazione è descritto sinteticamente in una scheda informativa, con riferimenti e link ad approfondimenti e atti amministrativi. Vengono monitorati e raccolti tutti i tipi di opportunità emessi, oltre che dalla Regione, anche da Ministeri, Invitalia, Inps, Comuni stessi o altri soggetti. Opportunità per il sostegno all'impresa per tutti i campi di attività: dall'innovazione all'ambiente, dalla cultura all'agricoltura, per aiutare la competitività e la crescita del tessuto produttivo toscano. 80 pagine di schede, link, tabe lle e riferimenti facilmente consultabili, insomma un modo per districarsi tra le tante occasioni messe a disposizione e non lasciarsele scappare, uno strumento da diffondere e far conoscere".

Ci sarà più tempo per restituire contributi a suo tempo ricevuti da parte della Regione e poi revocati per il venir meno delle condizioni che ne avevano autorizzato a suo tempo l’erogazione. Rate e versamenti in scadenza - di fondi comunitari destinati a imprese e professionisti, ma anche contributi sugli affitti e voucher formativi, tanto per fare qualche esempio - sono infatti rinviati a luglio. Lo chiariscono gli uffici della Regione Toscana.

I provvedimenti sono stati assunti con due distinte delibere di giunta, la n. 421 del 30 marzo e la 441 del 31 marzo, nel contesto delle numerose misure a sostegno al imprese e famiglie colpite dalla crisi causata dal blocco delle attività decisa per frenare i contagi del coronavirus.

I termini di pagamento disposti nei provvedimenti di recupero non scaduti alla data del 23 febbraio 2020 sono prorogati al 31 luglio 2020, fatta salva la possibilità di richiedere dilazioni e rateizzazione (almeno trenta giorni prima della nuova scadenza). Per i provvedimenti perfezionati successivamente all’adozione della delibera ci saranno invece 120 giorni per pagare, con ugualmente la possibilità di richiedere dilazioni e rateizzazioni entro trenta giorni dalla ricevimento della richiesta di pagamento.

A chi fosse stato già accordato un piano di rimborso rateizzato, sono sospese le rate di marzo, aprile, maggio e giugno 2020: si riprenderà a pagare dal 1 luglio 2020, con un allungamento rispetto al piano di rimborso originario. A chi fosse stato già accordato un dilazionamento del termine di pagamento, se la scadenza fosse tra l’8 marzo e il 30 giugno 2020, il termine viene prorogato al 1 Luglio 2020.


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it