Indietro

Pugilato — rubrica a cura di Massimo Capitani

Fight or nothing Clash of Titans - intervista a Matteo Minonzio. 15° ed ultimo round

Il Guerriero è pronto a tornare in Gabbia

Dalla Piazza di Santa Croce alla Gabbie di tutta Europa, un nuovo scontro per Matteo Minonzio.

Calcio Storico: Matteo esordisce nell’anno 2011 nei Bianchi di Santo Spirito. Il quartiere dell’ oltrarno torna a spingere forte nell’Arena di Santa Croce e quell’anno sfiora la vittoria, che poi conquista l’anno dopo. “Il 2012 è l’anno che mi rimane più nel cuore, abbiamo vinto anche dopo, ma nel 2012 l’abbiamo fatto dopo 31 anni”.

Il ruolo di Matteo in Santa Croce è quello di aprire gli spazi per i compagni, “la palla non la guardo neanche, mi concentro sugli avversari, in questi anni ne ho trovati diversi con cui poi mi sono affrontato in Gabbia, avversari fieri, scontri duri, da parte mia nessun rancore”.

Ma le emozioni della Gabbia sono simili a quelle della Piazza? “Sono due sport diversi, uno di squadra e l’altro singolo, ma le sensazioni si assomigliano molto. Nel mio ruolo nel Calcio Storico, sai che lo scontro con l’avversario prima o poi arriva, non è il solito avversario come nella Gabbia, ma è sempre uno contro uno, è sempre scontro. Ad ogni modo nella Piazza come nella Gabbia devi essere preparato al massimo sotto tutti gli aspetti, altrimenti paghi dazio”.

MMA: Matteo è il pioniere delle MMA Italiane, inizia a praticarle alla fine degli anni ’90 quando, “nella Muay thai avevo sconfitto gli avversari più forti come Andre Mannaart, Andre Tetee ed in Belgio ero diventato Campione del Mondo sconfiggendo Francois Corremans. Inoltre sono stato il primo italiano ad essere chiamato per i pesi massimi al Torneo K1 in Giappone. Le MMA rappresentavano una nuova sfida, un territorio inesplorato e così ho iniziato. In principio era molto difficile trovare sparring, così andavo spesso a Milano, anche i match erano diversi, si combattevano riprese da 10 minuti e le regole erano quelle del Pride giapponese, che comprendevano combinazioni che adesso sono vietate come il kick soccer”.

Matteo ha combattuto in tutta Europa, “Germania, Olanda, Croazia, Lituania, Polonia, paesi del nord Europa, ecc” ed è il fighter che ha più match di tutti in Italia, ben 42 match con avversari che poi si sono rivelati fra i miglior al mondo, è il caso di Alexander Gustafsson, lo svedese che Matteo ha affrontato nel 2008. “ Si vedeva che il ragazzo - 21 anni - aveva i numeri per diventare uno forte, sicuramente in grado di approdare all’UFC, devo dire che è andato anche oltre queste aspettative diventando uno dei migliori del mondo”.

Fra tutti questi match ce ne sono un paio per i quali Matteo vorrebbe avere una rivincita, sicuramente il primo è quello contro Martin Zawada, “combattevamo in Germania per una cintura tedesca, è stato il primo ed un unico match che ho disputato sulle 5 riprese. Incontro durissimo, eravamo alla 4° ripresa ed entrambi eravamo stanchissimi, io ero però fiducioso che nella ripresa finale avrei potuto prevalere. Poi però c’è stato lo stop medico, avevo un grosso ematoma in testa ed hanno ritenuto che poteva essere pericoloso andare avanti con il match.

Come si comportano i giudici fuori casa, sono spesso casalinghi come succede nel pugilato, “spesso è così, all’estero sai che puoi essere penalizzato, in Croazia contro Mattias Baric è successo proprio questo, tanto che alla fine ho avuto anche la comprensione del commentatore croato. Eh sì, anche con Baric ci starebbe bene una bella rivincita”.

Come sono cambiate le MMA in questi anni, “all’inizio chi praticava le MMA, o era un esperto di lotta oppure di Muay Thai, così che prevaleva chi riusciva a mantenere il match nella posizione che preferiva, il lottatore a terra, il thayboxer in piedi. Ora invece i ragazzi si allenano sia nella fasi a terra che in quelle in piedi, così da essere completi, se guardi l’UFC non capisci chi è più esperto in una fase, piuttosto che nell’altra”.

Andiamo al match del 26 Settembre, come ti sei preparato “sono sempre alla costante ricerca del miglioramento e non trascuro mai niente, ho avuto la fortuna che anche Pietro Cappelli fosse impegnato nel solito evento, così che abbiamo potuto lottare anche ad Agosto, trovandoci ora a Firenze, ora a Bologna. Non è affatto facile trovare in Agosto uno del peso e della forza di Pietro. Ovviamente non ho fatto a meno dei consigli del mio Maestro di Jiu Jitsu, Gustavo Freire - l’intervista con Matteo è avvenuta durante il viaggio di ritorno dall’accademia di Freire che si trova a Treviso -. Al di là del Jiu Jitsu considero Gustavo il mio Maestro anche per le MMA”.

Conosci Ivan Daili il tuo avversario, “so che è esperto di K1 ma non molto di MMA, è stato coraggioso ad accettare un match contro di me e per questo lo rispetto, ma non ha mai affrontato un avversario del mio livello e se ne accorgerà in Gabbia.

Fino a quando hai intenzione di combattere Matteo, “non ho messo una data di scadenza finché avrò la voglia di allenarmi e di soffrire continuerò” - e poi -“combatterò a tempo pieno nel Jiu Jitsu , ora già lo faccio fra un match di MMA e l’altro”.

Comunque continuerai a combattere? “Sicuro, non ne posso fare a meno”.

Matteo a fine intervista ci tiene a ringraziare l’amico Pietro Cappelli e Luca Caracciolo per la possibilità che gli ha offerto di allenarsi nella sua Accademia.

Che dire, il Guerriero è di nuovo in Gabbia, ora spetta ad Ivan Daili dire la sua.

Palasport di Calenzano, Via di Prato n. 64

Biglietto: Posto unico 20 euro + eventuali diritti di prevendita

Prevendita on line

http://www.clappit.com/…/biglietti-fight-or-nothing-clash-o…

Sito ufficiale dell'evento: http://fightclubarena.me/

pagina facebook: fight or nothing - clash of titans

Media - partnership dell'evento a cura di Nove da Firenze e della rivista del settore Fight Mag.

Prevendita tramite sportello:

1) Firenze Palestra Fight Club, Via Claudio Monteverdi, 43
rif. Luca Marrocchella 0559061150
2) Firenze Sport Nutrition di Fabrizio Paoletti - Viale Don Minzoni
Rif. Fabrizio Paoletti 3393425995

3) Firenze (FI) : Palestra Kickboxing Club c/o La Montagnola Via Giovanni Da Montorsoli - Rif. Paolo Morelli 3338360714
4) Firenze FightClubStore - Via Orazio Vecchi
rif. Irene Todaro 0554288308

5) Firenze (FI) : Tribe Jiu - Jitsu c/o Palestra Samurai Club Via Arcangelo Corelli, 39 - Rif. Luca Caracciolo 3285989111
6) Montecatini Terme: Palestra Grifa Gym Via Merlini 1
Rif. Alessandro Grifa 3319170518
7) Larciano (PT) Palestra Fight Gym Via Carlo Alberto Dalla Chiesa
Rif. Pietro Falco 3283258112
8) Livorno: Sport Combat Academy - Via Firenze 127 rif. Stefano Lonzi 3292034730
9) Poggibonsi (SI) : Palestra Gymnasium, Via Senese 148 Rif. Simone Pugliesi 3313749908
10) Colle Val D'Elsa (SI) : Palestra Workout Viale dei Mille, 14 - Rif. Fabrizio Righi 3405426356
11) La Spezia (SP) : Palestra Fight Club La Spezia c/o Liceo Classico Piazza Verdi, 15 - Rif. Giuliano Cerasoli 3472143255
12) Quarrata (PT) : Palestra MMA Quarrata (PT) c/o Scuola di danza Isabella - Via Pietro Mascagni , 55 - Rif. Sebastiano Bellassai 3484066260
13) Pistoia (PT) : Palestra HP MMA - c/o centro arti fisiche - Via Salutati, 27 - Rif. Alessio Polletti 3495945810


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it