Indietro

LifeStyle — rubrica a cura di Nicola Novelli

Inaugurato Pitti Uomo, sino al 10 gennaio alla Fortezza da Basso

Le anticipazioni della collezione autunno/inverno 2020-2021 in una delle più importanti manifestazioni legate all’universo del menswear e del lifestyle contemporaneo, giunta alla sua 97^ edizione

1203 marchi di cui 540 esteri su una superficie espositiva di 60.000 metri quadrati. Attesi circa 36.000 visitatori in totale fra i quali 9.100 buyer provenienti dall’estero, stando ai dati registrati nell’edizione scorsa. 12 le sezioni/tappe del percorso espositivo fra Pitti Uomo, Pop Up Stores, Fashion At Work, Futuro Maschile, Touch!, Urban Panorama. Questi i dati di partenza dell’edizione n.97 del salone sulle collezioni moda e lifestyle uomo per l’Autunno-Inverno 2020-2021, inanugurata stamani alla Fortezza da Basso. La manifestazione porta a Firenze i player più importanti del menswear e del lifestyle contemporanei. Una pluralità di voci che danno vita a momenti unici di scoperta e confronto. Un’esperienza sempre più sfaccettata, capace di svelare le tendenze della prossima stagione e al tempo stesso offrire input per capire, in anteprima, sfide e strategie del retail moda globale. In un mondo fluido e veloce lo stile di Pitti Immagine si conferma la bussola indispensabile per orientare le scelte della fashion community globale. Leitmotiov dei saloni invernali 2020 è il tema delle bandiere, che sventolano nello scatto realizzato dal grande fotografo reporter Franco PagettiSpecial guests di questa edizione Jil Sander e Stefano Pilati con la sua label indipendente “Random Identities”, uno dei più influenti designer della sua generazione. Fra i progetti in mostra, Scandinavia Manifesto nella Sala del Rondino che porta in Fortezza una selezione speciale di collezioni e designer del Nord Europa e Japan Creativity Now, che mette sotto i riflettori la storia e il futuro della maglieria giapponese nell’area dedicata a TOKYO KNIT al Top Floor del Padiglione Centrale.

Si rinnova anche per il 2020 l’appuntamento con l’eleganza delle creazioni sartoriali firmate Bigi Cravatte Milano a Pitti Immagine Uomo. Le cravatte Made in Milan, piccoli capolavori che fanno dell’esclusività e della qualità le loro caratteristiche principali, sono in mostra allo stand G12. Pezzi unici che combinano urban e high style incontrando i gusti del gentleman amante del bello e deciso a riscoprire il valore dell’artigianalità.

“Ancora una volta presentiamo una collezione che coniuga il meglio del gusto classico alle ultime tendenze – spiega Stefano Bigi, amministratore unico di Bigi Cravatte Milano – Le nostre creazioni interpretano l’essenza dell’uomo contemporaneo alla ricerca di un prodotto raffinato che soddisfi una precisa scelta di stile. Dal blu al bordeaux, con particolare attenzione al verde inglese, la palette cromatica si compone di diverse nuance intense e luminose in grado di soddisfare tutte le esigenze degli appassionati di stile”.

A rendere le cravatte di Bigi un must per tutti i gentleman, dal più classico fino ad arrivare a chi predilige uno stile casual, è il perfetto connubio tra proporzioni contenute, consistenze morbide e colori classici. Piccole geometrie, righe e uniti si alternano a proposte a tinta unita; ad accogliere questi accostamenti sono tessuti pregiati proposti in differenti armature, eleganti rasi, twill stampati a mano in Inghilterra, morbide lane provenienti dal distretto biellese e le intramontabili garze. Grazie alla filiera produttiva interna, ciascuna cravatta è un vero e proprio inno all’artigianalità: il costante e meticoloso controllo di ogni fase della lavorazione, infatti, permette di creare prodotti esclusivi in un’infinita varietà di accostamenti e combinazioni.

Il brand Cruciani, protagonista della Kermesse fiorentina,  presenta una collezione sofisticata con materiali attentamente selezionati e rifiniture estremamente curate, volte a caratterizzare un prodotto di elevatissimo pregio, per dare vita a capi unici nel loro genere. Il confine tra elementi formali e capi casual sfuma per creare una continuità preziosa e contemporanea: disinvoltura, libertà e creatività sono riunite in un raffinato equilibrio. La maglia rappresenta il capo principe del guardaroba maschile per l’inverno 2020/21: ecco dunque prendere forma dolcevita, maglie girocollo e cardigan a trecce in cashmere mulinè provenienti direttamente dall’heritage del brand, insieme a maglie a costa piatta e costa inglese, quest’ultima declinata in diverse dimensioni per un effetto più leisurewear o più elegante a seconda della grandezza scelta; giochi di punti si esprimono in una sapiente giustapposizione di varianti tra micro e macro per esaltare la qualità dei filati naturali e preziosi. Contrasti di colore conferiscono ricchezza ed eleganza sia ai capi classici che a quelli più contemporanei: raffinati intarsi su colli e polsi, impunture dal tocco sportivo delineano i profili di maglie e pantaloni, mix di lettere del logo istituzionale disegnano pattern moderni. Novità assoluta della Maison Umbra è l’introduzione nel mondo della maglieria di una nuova vestibilità: il DROP. Generato da un innovativo equilibrio di proporzioni tra l’ampiezza e la lunghezza del busto, il nuovo fit prende in prestito il nome dal mondo sartoriale, ed è studiato per garantire una forma armoniosa e compatta anche per coloro i quali non possono scegliere le vestibilità slim. La palette di colori, ispirata alla natura, varia dalle tonalità più calde che vanno del panna, beige, e cammello, ai colori del cielo e della terra: tortora, verde salvia e verde ulivo, fino ad arrivare alle sfumature del celeste polvere, blu navy e zaffiro. Affiancata alla proposta di capi in tinto filo, TRUE COLORS è la nuova Capsule Collection di maglieria tinto in capo, creata con colori unici generati da ricette di tintura esclusive, frutto della continua ricerca sul finissaggio e sulle tecniche di pigmentazione dall’elevatissimo know-how, dove l’attenzione per l’ambiente è da sempre caposaldo nella filosofia e nell’identità della Maison. Una collezione completamente realizzata utilizzando filati naturali: cashmere, cashmere-seta e lana merinos, sapientemente usati in modo da non appesantire il capo, mantengono intatta la loro leggerezza e morbidezza e donano a chi li indossa una esperienza sensoriale unica, valorizzando al meglio un brand 100% Made in Italy che si distingue non solo nell’estetica del gusto italiano ad elevata connotazione artigianale, ma anche per una nuova concezione di lusso contemporaneo consapevole.

Fotogallery


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it