Indietro

Piazza Brunelleschi: fiori, biglietti e ceri per Niccolò Bizzarri

L'area dove lo studente disabile di 21 anni è caduto è transennata, essendo in corso un'inchiesta della magistratura che indaga per omicidio colposo. In un biglietto alcune strofe di "A Silvia" del Leopardi: "Questo è quel mondo? Questi i diletti, l'amor, l'opre, gli eventi onde cotanto ragionammo insieme? Questa la sorte dell'umane genti?"

FOTOGRAFIE. Fiori, biglietti, ceri. E a dominare è il colore bianco, quello dell'innocenza, nel punto di piazza Brunelleschi in cui è caduto per una buca lunedì sera lo studente disabile Niccolò Bizzarri, che dopo alcune ore è deceduto. Su questa tragedia, costata la vita a un ventunenne, indaga naturalmente la magistratura (per omicidio colposo) tanto che il punto incriminato è ancora transennato.

Tutti gli studenti ma anche i cittadini che si trovano a passare di lì non possono fare a meno di fermarsi un attimo, di pensare a questa morte assurda che ha profondamente colpito Firenze.

Questo è quel mondo? questi
I diletti, l'amor, l'opre, gli eventi
Onde cotanto ragionammo insieme?
Questa la sorte dell'umane genti?

si legge in un accorato biglietto che riprende alcune strofe della struggente "A Silvia" di Giacomo Leopardi.

Antonio Patruno
© Riproduzione riservata

Fotogallery


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it