Indietro

Piazza delle Cure: il nuovo asfalto è già pieno di buche

Il Comitato di zona all'attacco a due mesi dall'inaugurazione del restyling: "Materiale molto scadente, poco più che ghiaino incapace di tenere. Le ruote di auto e bus lo sgretolano facilmente. Ormai è un gruviera. Palazzo Vecchio intervenga prima che qualcuno cada". L'assessore Giorgetti: "Avevamo già rilevato e comunicato che i lavori non erano stati effettuati ad opera d’arte"

"Le foto valgono più di ogni commento. Dicono che il nuovo asfalto di piazza della Cure è materiale scadente. Molto scadente. Poco più che ghiaino incapace di tenere. Le ruote di auto e bus lo sgretolano facilmente. Ormai è un gruviera. Va rifatto completamente". Parole (e foto) del Comitato Piazza delle Cure, che in una nota chiede a Palazzo Vecchio di intervenire.

"L’assessore alle buche Stefano Giorgetti - auspica con espressione ironica il Comitato - faccia un sopralluogo e provveda quanto prima per evitare che altri cadano e s’ammazzino. A neanche due mesi dall’inaugurazione le buche in piazza, anche estese, son difatti infinite. Qua e là se ne vedono già di rattoppate. Le giunture tra i vari passaggi sono solchi e gli scalini tra l’una e l’altra procurano sobbalzi. Un lavoro dilettantesco difficilmente immaginabile, tirato via nell’ansia di inaugurare a fine novembre un progetto che già doveva essere consegnato a fine maggio in vista delle elezioni".

Il Comitato, già che c'è, mette in evidenza altre magagne: "Sette mesi di ritardo per un’opera costata alla collettività fior di milioni. Manca, tra l’altro, anche un riparo per la strategica fermata del bus di via Borghini, dove si è costretti ad aspettare su un stretto marciapiede senza alcuna protezione sia che diluvi o col solleone. I fruttivendoli lamentano anche che in caso di pioggia il pavimento del lato fruttivendoli diventa scivoloso benché coperto. Inoltre si allaga facilmente perché le due grate fognarie se piove molto non riescono a scaricare", è la conclusione.

L'assessore Stefano Giorgetti affida al suo profilo Facebook la replica a queste critiche: "Leggo polemiche sulla presenza di buche nell’asfalto di piazza delle Cure. Si tratta di una situazione nota. Avevamo già rilevato e comunicato che i lavori non erano stati effettuati ad opera d’arte subito dopo l’inaugurazione del nuovo mercato e richiesto all’impresa di eseguire nuovamente l’asfaltatura. Nell’immediato sono stati effettuati interventi di ripristino in attesa di condizioni meteorologiche più favorevoli per la fresatura e la completa riasfaltatura dei tratti interessati a cure e spese dell’impresa, a primavera. Nell’occasione preciso, oltre a non essere l’assessore alle buche, che il ritardo del cantiere non è stato di sette mesi. La prima parte della piazza è stata consegnata all'interno delle tempistiche previste, per la seconda parte comprendente anche la copertura del mercato si sono avuti quattro mesi di ritardi perché sono stati effettuati ulteriori lavori ai sottoservizi non previsti inizialmente e che hanno fatto scivolare in avanti il completamento".

Fotogallery


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it