Indietro

Saldi invernali 2020 in Toscana, fissate le date: dal 4 gennaio al 3 marzo

L'inizio di quelli estivi sarà concordato tra Regione e categorie economiche più avanti. L'assessore Ciuoffo: "Negli ultimi anni il clima è stato sfavorevole". Nigi (Confesercenti): "Il posticipo resta tema di attualità"

FIRENZE – Inizieranno sabato 4 gennaio e dureranno sessanta giorni, dunque fino al 3 marzo successivo, i saldi invernali 2020 in Toscana.

La data di inizio è stata fissata in conformità alla legge regionale in materia 'Codice del Commercio’, con una delibera della Regione Toscana, appena approvata dalla giunta su proposta dell'assessore competente Stefano Ciuoffo.

"A differenza degli altri anni – spiega Ciuoffo – dove di solito si stabiliva contestualmente sia la data di inizio dei saldi invernali che di quelli estivi, quest'anno, dopo aver consultato le categorie, abbiamo deciso che condivideremo più a ridosso dell'estate la riflessione sull'inizio dei saldi estivi, per meglio ponderare il periodo di partenza. Negli ultimi anni, infatti, a causa del clima sfavorevole che ripetutamente ha caratterizzato le varie stagioni, con temperature molto diverse dalle medie (caldo in autunno/inverno e maltempo in primavera/estate), e che ha quindi sfavorito la vendita di capi di stagione, a saldi già iniziati ci è stato richiesto più volte dalle categorie dei commercianti uno slittamento delle date, in quanto lamentavano minori incassi dalla merce venduta a saldo, rimasta sugli scaffali in quantità maggiore rispetto a quanto preventivato. Io non ho posizioni precostituite su una possibile modifica delle date di inizio dei saldi. Ed è bene ricordare - annota infine Ciuoffo - che le vendite di fine stagione sono una facoltà prevista dalla legge e non un obbligo. Oltretutto le date, scelte in modo uniforme in tutta Italia, sono frutto di un documento della Conferenza delle Regioni".

"La Giunta Regionale Toscana, in conformità alla legge regionale in materia ‘Codice del commercio’ ha confermato il primo giorno di avvio saldi invernali nel primo giorno feriale antecedente l'Epifania, ovvero il prossimo 4 gennaio 2020. – commenta Enzo Nigi, Presidente Fismo Confesercenti Firenze - Per fortuna quest'anno, rispetto agli ultimi tempi, sembra essersi protratto un po' meno il caldo anomalo degli ultimi anni, che tanto penalizza il settore.”

“Il calo autunnale delle temperature delle ultime settimane sta infatti spingendo le vendite di calzature ed abbigliamento pesante uomo e donna, dopo un mese di ottobre abbastanza complicato per le imprese del settore moda. – prosegue Nigi - Resta comunque sul tappeto il tema posticipo dei saldi, che potrebbe essere portato avanti nell'ultimo scorcio di legislatura regionale”.

“Noi in qualche modo ci contiamo, anche se non sarà semplice visto che – conclude il Presidente Fismo Confesercenti Firenze - l'accordo deve necessariamente riguardare l'intesa tra più Regioni del Centro Italia, alcune delle quali sono anche chiamate al voto".


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it