Indietro

Agroalimentare — rubrica a cura di Antonio Patruno

Scandalo del latte in tempo di Coronavirus

foto Agenzia Dire

Coldiretti Toscana: rendere noti i inomi di chi importa latte, stop a speculazioni e taglio fondi

(DIRE) Firenze, 25 mar. - "La Regione Toscana può riportare in trasparenza la filiera lattiero-casearia. Richieda al ministero della Salute i nomi di chi importa latte e i quantitativi di latte o di cagliate stagionate che attraversano le frontiere per essere trasformati in formaggi freschi e stagionati toscani, ai danni degli allevatori del territorio". Lo afferma il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi, rivolgendosi al presidente della Regione Toscana affinché si faccia portavoce col governo di un'azione contro le "speculazioni" legate all'emergenza Coronavirus. "Chiediamo- aggiunge- di rendere pubblici gli elenchi dei caseifici che importano latte e cagliate dall'estero e vogliono abbassare le quotazioni di latte toscano, perché occorre evitare che i comportamenti scorretti di pochi caseifici compromettano il lavoro della maggioranza degli operatori della filiera ai quali va il plauso della Coldiretti".

Filippi chiede di escludere dai fondi previsti per sostenere il settore agroalimentare "chi approfitta della situazione".
L'associazione di categoria rivolge inoltre un invito ai supermercati privilegiare i prodotti made in Italy. La situazione non è lieta, del resto gli allevatori toscani registrano un dimezzamento degli ordini anche per Pasqua. "Auspichiamo- dichiara Angelo Corsetti direttore regionale dell'associazione- un dialogo costruttivo con i trasformatori e con la distribuzione commerciale, sotto la cabina di regia della Regione Toscana, per superare questa fase di criticità". Coldiretti a livello nazionale, del resto, si è già rivolta al presidente del Consiglio e al ministro delle Politiche Agricole. Al contempo ha attivato una casella di posta elettronica per raccogliere segnalazioni sulla base della quali, avverte un comunicato, intende "agire a livello giudiziario se non verranno fornite adeguate motivazioni".
(Cap/ Dire)


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it