Indietro

Sicurezza stradale: la prossima settimana controlli mirati sui ciclomotori

Nel mirino della Polizia Municipale, oltre ai comportanti scorretti e pericolosi, i mezzi “truccati” e l'efficienza del veicolo. Ieri 48enne fiorentina, alla guida senza casco, accompagna i due figli a scuola: multata dagli agenti dell'Autoreparto dopo una segnalazione

Accompagnava i due figlioletti a scuola con il ciclomotore e nonostante fosse stata più volte rimproverata da alcuni cittadini presenti continuava a transitare nell'area di San Salvi come niente fosse. Ma ieri una pattuglia dell'Autoreparto, allertata da una segnalazione, ha posto fine a questo comportamento scorretto e pericoloso. La protagonista della vicenda è una 48enne fiorentina che, stando da quanto segnalato alla Polizia Municipale, sistematicamente arrivava con i due figlioletti seduti sulla parte posteriore della sella del ciclomotore. La segnalazione era ricca di particolari, tra cui anche il fatto che la donna era senza casco e che era stata rimproverata da alcune persone presenti ma questo non le aveva fatto cambiare abitudini. La Polizia Municipale nei giorni scorsi ha quindi effettuato alcuni controlli per verificare la veridicità di quanto segnalato ma, forse a causa della pioggia, non aveva riscontrato nessuna irregolarità. Fino a ieri mattina quando una pattuglia si è fermata nella vicina via del Mezzetta. L'attesa non è stata vana: poco prima delle 9 gli agenti hanno visto arrivare un ciclomotore con alla guida una donna senza casco e due bambini trasportati in sella, entrambi con il casco allacciato. Immediato l'alt. In un primo momento la donna ha cercato di evitare il verbale con varie scuse ma alla fine ha collaborato con gli agenti. Per lei due multe: la prima per guida senza casco (81 euro cui si aggiungono il taglio di 4 punti/patente e il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni), la seconda perché trasportava un numero di passeggeri superiore a quello previsto dalla carta di circolazione (sempre 81 euro).

Una settimana di controlli mirati sui ciclomotori. Da lunedì prossimo e fino al 21 aprile gli agenti dell'Autoreparto, insieme ai motociclisti in divisa e in borghese, concentreranno i loro interventi proprio a chi utilizza i cosiddetti “cinquantini” con posti di controllo dedicati. Si tratta di un gran numero di utenti della strada che, con l'arrivo dei mesi più miti e della bella stagione, si moltiplicano. Duplice l'obiettivo della campagna: sensibilizzazione dei conducenti alla guida consapevole e prevenzione delle situazioni di potenziale rischio. L'anno scorso i conducenti dei ciclomotori coinvolti in incidenti sono stati 377, pari al 11,39% del totale e, viste le caratteristiche del veicoli, spesso si tratta di sinistri con gravi conseguenze. Per questo la Polizia Municipale dedicherà particolare attenzione non solo ai comportanti scorretti e pericolosi delle persone alla guida, ma anche ai mezzi. Saranno quindi verificate le caratteristiche tecniche dei veicoli per individuare gli eventuali motori “truccati” e alterati (per questo saranno effettuate controlli sul banco a rulli) e anche per saggiare l'efficienza del mezzo, ad iniziare dai freni, pneumatici, marmitta e via dicendo. Attenzione anche ai caschi, al loro corretto utilizzo e alla omologazione. La Polizia Municipale ricorda quindi le norme, che devono essere conosciute anche dai genitori in caso di scooteristi minorenni. Ovvero: il ciclomotore deve avere un motore non superiore ai 50 cc e sviluppare una velocità fino a 45 chilometri orari altrimenti viene considerato un motociclo (con quello che ne consegue per quanto riguarda la patente necessaria per la guida); è vietato trainare o farsi trainare da un altro veicolo; i dispositivi di segnalazione visiva e illuminazione devono essere funzionanti e sempre accesi; lo stesso per i dispositivi di segnalazione acustica; gli specchietti retrovisori devono essere installati correttamente; gli pneumatici devono essere consentiti ed efficienti; il dispositivo silenziatore e di scarico (marmitta) deve essere omologato e utilizzabile per lo specifico ciclomotore; è vietato modificare il veicolo per aumentare la velocità con l'impianto adeguato al ciclomotore e quindi a una velocità più bassa; il casco deve essere regolarmente indossato e allacciato; è vietato impennare; il trasporto del passeggero è consentito solo se previsto nella carta di circolazione. Ed ecco alcuni utili consigli: indossare abbigliamento adeguato che, in caso di caduta, evita le ustioni da asfalto; usare guanti con protezioni, scarpe chiuse e pantaloni lunghi; scegliere il casco integrale; non mettersi alla guida in caso di stato d'animo alterato; frenare con entrambi i freni con una maggiore attenzione a quello anteriore; rendersi visibili con capi e accessori fluo (gilet, giubbotti, casco); prestare particolare attenzione in caso della presenza di veicoli; fare regolare manutenzione al veicolo con una corretta revisione periodica.


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it