Indietro

Sostegno all'affitto per chi va a vivere da solo: come fare domanda

Il bando è rivolto ai giovani toscani dai 18 ai 34 anni che intendono uscire dal proprio nucleo familiare d'origine

Da oggi, lunedì 5 febbraio, è possibile presentare la domanda relativa al nuovo bando per il contributo affitto Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani. Il bando è rivolto ai giovani toscani dai 18 ai 34 anni che intendono uscire dal proprio nucleo familiare d'origine, usufruendo di un contributo della durata di tre anni per il pagamento del canone di affitto. La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 31 marzo.

Il contributo è rivolto a giovani che, in Toscana, vivono all'interno del nucleo familiare di origine e intendono 'uscire da casa' rendendosi autonomi attraverso la sottoscrizione di un contratto di affitto, ha durata triennale e varia dai 150 ai 350 euro al mese, a seconda della fascia di reddito e della presenza di figli. Possono presentare domanda single e coppie sposate, conviventi o che hanno deciso di convivere, di età compresa tra i 18 e i 34 anni.

Il sostegno all'affitto fa parte del pacchetto di opportunità che la Regione offre ai giovani con il progetto Giovanisì, dal servizio civile regionale ai contributi per i tirocini curriculari, non curriculari e i praticantati, dall'inserimento nel mondo del lavoro agli incentivi alla creazione di impresa. Fino ad oggi, con i precedenti 5 bandi finanziati dal 2012 al 2015, Giovanisì ha permesso ad oltre 5.000 giovani di rendersi autonomi.

Per tutte le informazioni e per la documentazione da presentare, ci si può rivolgere agli uffici di Giovanisì (800 098719 - info@giovanisi.it) e dell'Urp regionale (800 860070 - urp@regione.toscana.it).

Vai alla pagina dedicata sul sito di Giovanisì.


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it