Indietro

Calcio Storico — rubrica a cura di Stefano Romagnoli

Su KickStarter il Calcio Storico in versione board game

La fiorentina Castle Art's ha lanciato un progetto di crowdfunding per realizzare il primo gioco ufficiale sul calcio storico.

Quando discutiamo delle origini del calcio, lo sport più amato e praticato al mondo, finiamo spesso col parlare di calcio storico fiorentino, o calcio in costume, una disciplina le cui origini si perdono nella notte dei tempi e che ad un primo sguardo sembrerebbe coniugare assieme football americano e rugby inglese.

Ogni anno, nel mese di giugno, il calcio storico torna ad animare i quartieri della città di Firenze. Il lembo di terra davanti la basilica di Santa Croce si trasforma in un campo da gioco dove 54 atleti, i calcianti, si danno battaglia per conquistare la vittoria a suon di cacce (una sorta di goal).

E l’idea di un board game dedicato al calcio storico non poteva avere altro promotore se non una ditta fiorentina. La Castle Art’s ha difatti lanciato tramite KickStarter un progetto di crowdfunding (una pratica di microfinanziamento dal basso che cerca di mobilitare il maggior numero di persone e risorse) del primo gioco ufficiale sul calcio storico.

A spiegarlo a Nove da Firenze è Alessandro Parrini, ‘mente e braccio’ della Castle Art’s.


Come nasce Castle Art's e chi la compone?

“Castle Art’s nasce dalla mia passione per il mondo del modellismo, ho iniziato a giocare con i ‘soldatini’ da quando avevo dodici anni, al mare, dove grazie a un gruppo di ragazzi che incontravo ogni estate iniziai le mie prime avventure nel mondo fantastico di D&D, successivamente iniziai a comprare i miei primi modelli e giochi sempre più complessi per l’età che avevo”.


Il passo successivo?

“Da completo neofita iniziai a dipingere i modelli, a costruire le mie prime ambientazioni, ricordo ancora la prima torre realizzata in mattoncini di DAS non proprio precisa diciamo, ma sempre nei miei ricordi. Gli anni passavano e la passione cresceva con me, approcciai un gruppo molto grande che giocava con interi eserciti fantasy e li fu veramente l'inizio della fine”.


La fine? Perché?

“Fino ad allora non avevo mai visto più di 10/15 soldatini... adesso potevo dare libero sfogo organizzando e giocando con un intero esercito. Ai tempi il maggior negozio su Firenze faceva demo gratuite e insegnava a montare e dipingere, quindi seppi dove spendere tutti i miei primi soldini guadagnati. In breve tempo la passione si trasformò per un periodo in un vero e proprio lavoro, offrivo infatti servizio pittura per i vari altri giocatori dato che avevo raggiunto comunque una buona tecnica. Successivamente anche gli scenari iniziarono a diventare sempre più accurati e precisi, fino a quando un mio caro amico con negozio in via Maragliano, il Seven Dragon, mi chiese di allestire tutti i suoi campi di battaglia esclusivamente con miei scenici. Da quel momento nacque effettivamente la Castle Art’s nel 2004/2005, iniziando prima da Firenze ma poi anche in altre città toscane i miei prodotti cominciarono a ‘girare’ tanto che nel 2006 decisi di fare il passo e rendere questo come mia unica fonte di lavoro. La voglia di scolpire e realizzare sempre cose nuove non si affievoliva, tanto che nel 2011 parlando quasi per caso con un mio amico, appassionati entrambi di Calcio Storico e di soldatini in genere, decidemmo di fare il gioco da tavolo. Marco Barchielli (lo scultore) e Alessandro Parrini (la mente) fusero le loro esperienze e nel giro di alcuni mesi avevamo già il regolamento perfettamente testato e funzionante del gioco da tavolo del Calcio Storico. Ai tempi il Comune di Firenze sostenne il progetto, tengo a precisare per correttezza non economicamente, ma poi venne abbandonato e Castle Art’s decise di andare oltre iniziando una nuova linea produttiva, il mondo del sollevante fu quindi il passo successivo, un’intera gamma di prodotti sia a livello di miniature che di scenari ambientati nel Giappone feudale, tutto rigorosamente in scala con la cura dei minimi dettagli. Con i nostri pezzi è stato possibile ricostruire da dei club nazionali la famosissima battaglia di Segikahara del 1600, ultima battaglia dopo la quale l'intero Giappone venne assoggettata dal clan Tokugawa. Altre idee intanto si facevano spazio raggiungendo, come ultimo progetto, una linea di campi in resina componibili per giocare a un gioco di miniature fantasy con ambientazione il mondo del football, questo è stato il mio progetto sulla piattaforma di KickStarter, piattaforma che permette di pubblicare e far conoscere nel mondo le proprie idee e se i vari utenti ritengono di voler sostenere il progetto, contribuiscono in quota parte al progetto stesso. Al buon esito del progetto si inizia la produzione con relative spedizioni dei prodotti. Il mio primo KickStarter è già stato finanziato e la produzione avviata, mi son detto, guardando anche il pubblico che viene tutti gli anni dall'estero a vedere la nostra meravigliosa manifestazione di intraprendere la stessa cosa anche per il Calcio Storico, ed è così che ha avuto inizio il KickStarter del Calcio Storico”.


Parlaci un po' del Kickstarter sul calcio storico, di cosa si tratta?

“Avendo già tutto ho potuto mettere un ‘goal’ (il livello minimo di finanziamento per dar via alla fase realizzativa del progetto, ndr) basso, realizzare un gioco in scatola come questo con 54 miniature in metallo bianco, campo in tessuto, scenari in 3d con resina e metallo, oltre a tutto l'interno scatola ha costi ben più alti di quelli preventivati dal progetto di KickStarter, si parla di almeno venti volte il ‘goal’... Il progetto iniziale e relativi investimenti erano stati affrontati a fronte di una esposizione in pianta stabile in zone ad alto fattore turistico, addirittura avevo realizzato tutto lo scenario di piazza Santa Croce, traendo spunto da stampe del periodo dell'assedio di Firenze del 1529-1530, avevo tutto pronto, ma al momento decisivo, per motivi ancora sconosciuti, non è stato possibile posizionare la mia opera dove detto e io mi son ritrovato il materiale fermo a magazzino. Premesso ciò ho lanciato il KickStarter più per prova che per effettiva necessità... e in solo tre giorni il ‘goal’ è stato raggiunto il che mi ha inorgoglito enormemente da un lato e dall'altro mi lascia un po’ con l’amaro in bocca dato che i sostenitori sono arrivati dall'estero...”


Ci sono quindi varie possibilità di contribuire al progetto?

“Assolutamente sì, il progetto è stato concepito per poter contribuire prendendo il solo gioco da dipingere oppure arrivare ad avere l'intero plastico dipinto a mano con oltre 200 figuranti. Contribuire a questo progetto è vantaggioso per il cliente finale dato che il prezzo è più contenuto rispetto ai canali ‘tradizionali’”.


E in caso di ottenimento di più livelli di finanziamento sono programmati anche degli extra (dal pallaio ai tamburini, dai veterani ai bovari)...

“Arrivando a livelli sempre più alti di finanziamento si sbloccano a un prezzo inferiore tutti i modelli del corteo storico già disponibili, sto prevedendo di aggiungerne di nuovi, ma questo si potrà fare solo a livelli di finanziamento ben più elevati dato che i costi di scultura e stampaggio saranno da riaffrontare, questo KickStarter mi dà speranza di poter riprodurre fedelmente in scala 1:72 l'intero corteo storico”.


La campagna avrà termine fra qualche giorno, quali sono i tempi di consegna?

“Il solo gioco grezzo, dopo i tempi tecnici che KickStarter prende per le varie verifiche del caso e il relativo accredito, è praticamente in pronta consegna, ovviamente per i sostenitori che avranno deciso di prendere scenari o modelli dipinti a mano i tempi si allungheranno, a oggi riesco a garantire consegne entro fine ottobre, sperando di dover posticiparle in base alle numerose richieste”.


Non solo calcio storico, sul sito della Castle Art's abbiamo visto diversi prodotti. Soprattutto per quanto riguarda il Giappone medievale.

“Come anticipato nella nostra presentazione aziendale Castle Art’s produce non solo Calcio Storico, ma molto altro ancora. Stiamo investendo nella realizzazione del nuovo sito e-commerce multilingua, seguite la nostra pagina Facebook dove verrà annunciato la pubblicazione del suddetto sito dove troverete sempre le ultime novità, promozioni e progetti su richiesta, vera forza aziendale che permette di rendere reale qualsiasi idea dei nostri clienti”.

Calcio Storico — rubrica a cura di Stefano Romagnoli

Stefano Romagnoli

Stefano Romagnoli — Nato a Firenze, è giornalista pubblicista dal 2003. Ha lavorato per il network Metropoli e collaborato con il Corriere di Firenze ed il Nuovo Cittadino di Siena. Ha fondato Calciotoscano.it e collaborato con alcune radio toscane. Da qualche anno vive a lavora a Roma, occupandosi di sport e statistiche sul calcio

E-mail: stefanoromagnoli.75@gmail.com


© 1997-2014 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it