Indietro

​Trapianti Toscana Centro: il 95% dei cittadini per la donazione 

Su 5000 dichiarazioni raccolte, solo il 5% si è opposto alla donazione, a fronte di una media regionale del 32%

Altissima l'adesione da parte della popolazione dei 14 Comuni della Zona fiorentina sud-est alle donazioni di organi e tessuti: il 95% della popolazione dice sì, stando ai dati aggiornati al 30 agosto 2017 relativi alle dichiarazioni di volontà che ciascuno può esprimere al momento del rilascio e del rinnovo della carta d'identità (o in qualsiasi momento anche con una dichiarazione scritta che viene registrata sul sistema informativo trapianti tramite i punti Cup delle Asl e tramite gli uffici comunali).

A Bagno a Ripoli, ad esempio, su 500 dichiarazioni raccolte in totale, ben 499 si sono dette favorevoli alla donazione degli organi. “En plein” a Tavarnelle di Val di Pesa dove a 174 dichiarazioni di volontà corrispondono altrettanti sì alla donazione e a Barberino Val d'Elsa (74 su 74). E dati molto positivi, solo per citarne alcuni, anche a Figline e Incisa Val d'Arno (130 sì su 131 dichiarazioni), Reggello (324 sì su 327 dichiarazioni in totale) e Pontassieve (362 sì su 370 dichiarazioni). In totale, su 5000 dichiarazioni raccolte, solo il 5% si è opposto alla donazione, a fronte di una media regionale del 32%.

Una risposta più che positiva da parte della cittadinanza che sarà illustrata nel dettaglio durante la cena di sensibilizzazione alla donazione dal titolo “Il trapianto un percorso condiviso”, in programma a Bagno a Ripoli giovedì 14 settembre a partire dalle 20.30. Un'iniziativa organizzata dall'Azienda USL Toscana Centro, dalla Conferenza dei sindaci della Zona fiorentina sud-est e dal Comune di Bagno a Ripoli, in collaborazione con l’Associazione Giostra della Stella – Palio delle Contrade di Bagno a Ripoli (tendone “Tuttaponti” presso il giardino “I Ponti”). Obiettivo dell'iniziativa è festeggiare il percorso del trapianto e il ritorno alla vita che ne consegue insieme alla popolazione, ai pazienti trapiantati, che renderanno le loro toccanti testimonianze, gli operatori sanitari, i volontari e istituzioni locali. Saranno presenti il sindaco di Bagno a Ripoli e presidente della Conferenza dei sindaci della Zona fiorentina sud-est Francesco Casini, i sindaci della Zona e il direttore della struttura donazioni e trapianti Azienda USL Toscana Centro Alessandro Pacini (info e prenotazioni 055.6937332 – 0556939250).

“Sarà una bellissima opportunità per ascoltare le storie di chi in prima persona è riuscito a tornare alla vita grazie a un gesto di generosità, il più alto e nobile che possa esistere, e pertanto mi auguro che siano tanti i partecipanti – dice il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini –. I numeri di adesioni alle donazioni nel nostro Comune e in quelli della Zona fiorentina sud-est sono una bella iniezione di fiducia, il frutto del grande lavoro di sensibilizzazione nei confronti di quella che rappresenta una sfida di modernità e civiltà svolto dalla struttura trapianti della Asl diretta dal dottor Pacini, che come amministrazione e Zona da sempre condividiamo e sosteniamo”.

“La scelta di donare da parte di ogni cittadino è importante – dice il dottor Alessandro Pacini – perché permette di salvare la vita o migliorarla in modo importante nel caso una persona ne abbia bisogno per una malattia cronica grave. Il trapianto è ormai diventato una terapia insostituibile per molte patologie ed è stato inserito a pieno titolo nei nuovi LEA. Il totale dei trapianti che ogni anno vengono effettuati nei vari Centri trapianti a livello nazionale si aggira sui 3500. Cinquecento circa quelli realizzati negli ospedali della Usl Toscana Centro lo scorso anno”.

Tutti gli ospedali della USL Toscana Centro, comprese le strutture hospice, hanno un programma attivo di donazione di organi e tessuti. Nel 2016 sono stati procurati 55 potenziali donatori di organi che hanno permesso di trapiantare 73 pazienti in lista di attesa, sia nei Centri trapianto regionali che extraregionali. Nello stesso anno sono stati fatti anche oltre 200 prelievi di tessuti che hanno permesso di trapiantare circa 400 pazienti in lista di attesa per un trapianto. Nel dettaglio, per quanto riguarda l'attività dell'Ospedale di Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri, tra il 2015 e il 2016 grazie alle donazioni è stato possibile donazione realizzare 14 trapianti di organi e 29 trapianti di tessuti.

Nella USL Toscana Centro al 31 dicembre 2016 erano residenti 953 pazienti in follow up post trapianto, di cui 510 di rene, 310 di fegato, 60 di cuore, 21 di polmone e 52 di pancreas. L’80% di questi, variabile in base alla tipologia di organo ricevuto, lavora o è nella condizione di farlo, avendo riacquistato una qualità di vita soddisfacente. La buona riuscita del trapianto non può prescindere da una corretta presa in carico del paziente in follow up, sia nella fase di recupero precoce post trapianto che nelle fasi successive a lungo termine. A questo proposito c’è in atto nella USL Toscana Centro, area fiorentina, un progetto di miglioramento al supporto del percorso di follow up, con la sperimentazione di un servizio a questo dedicato, che sostiene il paziente in tutte le Sue necessità, non solo sanitarie, ma anche riabilitative/motorie, nutrizionali,lavorative, medico-legali, ecc, che sta dando buoni risultati, con l’obiettivo di estenderlo gradualmente su tutto il territorio.

Nel 2016, i trapianti a livello nazionale sono stati 3763, di cui 2070 di rene e poi a seguire circa 1220 di fegato, 266 di cuore, 147 di polmone, oltre 60 di pancreas. Questo numero di trapianti, a fronte di una lista di attesa nazionale che al 31 dicembre 2016 ne contava oltre 9000 pazienti, di cui circa 6800 di rene, oltre 1000 di fegato, 750 di cuore, 348 di polmone, 250 di pancreas e 12 di intestino. La lista di attesa per trapianto negli ultimi anni è rimasta pressoché invariata in quanto il numero totale di trapianti effettuati in un anno è stato uguale al numero di nuovi inserimenti in lista di attesa.

Il fattore limitante di tale terapia, che negli anni ha raggiunto a livello nazionale dei livelli di tecnica chirurgica e di terapia farmacologica immunosoppressiva molto elevati, è rappresentato dal numero di donatori che, nonostante la buona organizzazione sanitaria e le campagne di sensibilizzazione, rimane insufficiente. La donazione degli organi può avvenire dopo il decesso in rianimazione a seguito di lesioni cerebrali irreversibili, oppure anche da vivente per alcuni organi come il rene, il fegato e il sangue cordonale. Oltre agli organi è possibile donare, a scopo di trapianto, in tutti i decessi per arresto cardiaco, anche tessuti come cornee, cute, osso e legamenti, valvole cardiache.

È possibile esprimere in vita la propria volontà di donare con una dichiarazione scritta che viene registrata sul Sistema informativo trapianti tramite i punti Cup delle ASL e tramite gli Uffici comunali, in qualsiasi momento e non solo al momento del rilascio/rinnovo della carta d’identità. Questa opportunità è stata attivata a livello nazionale da qualche anno e ha permesso di favorire la raccolta delle adesioni.

Nella USL Toscana Centro ci sono già circa 40 Comuni attivi alla ricezione delle dichiarazioni di volontà e ne sono state raccolte in pochi mesi già quasi 21000. Nei 14 Comuni della Zona fiorentina sud-est sono già state acquisite più di 5000 dichiarazioni di volontà alla donazione, di cui soltanto il 5% hanno espresso un'opposizione. Nel caso in cui un cittadino non abbia espresso nessuna volontà in merito e vada incontro a decesso, se viene ritenuto idoneo come potenziale donatore di organi e tessuti, vengono informati di tale possibilità i familiari aventi diritto, che possono accettare tale opzione, ma possono anche opporsi. In Toscana il tasso di opposizioni alla donazione di organi e di circa il 32%, all’incirca come la media nazionale. 


© 1997-2014 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it