Indietro

Affitti turistici: in Toscana 24 mila registrazioni on line

C'è anche un portale finanziato dall’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio che rende più accessibile agli studenti universitari il mercato della locazione privata a Firenze, Pisa e Siena. Il Sunia: “Un primo passo positivo per avere più informazioni ma è una goccia nell’oceano. Il boom degli affitti brevi disgrega le città e alza i canoni, si definisca una soglia per stabilire quando la locazione è attività d’impresa”

Firenze, 8-10-2019 - In Toscana dal primo marzo 2019 chi affitta a fini turistici una porzione o un immobile intero deve darne comunicazione, entro 30 giorni: questo è l’adempimento richiesto ai proprietari di immobili, cui viene assegnato un codice identificativo e il mancato rispetto comporta una sanzione che va dai 250 ai 1500 euro. Ad oggi è l’unico provvedimento preso per tentare di governare il fenomeno degli affitti brevi per turisti, una tra le realtà più difficili e problematiche da arginare, per evitare il soffocamento delle città d’arte. Oggi la Regione Toscana ha pubblicato i dati: i posti letto disponibili al 1° ottobre 2019 nei 24.493 appartamenti registrati sono ben 114.723, con una media di 4,68 posti letto. Gli uffici regionali hanno elaborato una tabella completa dei dati divisa in base ai 28 Ambiti turistici territoriali istituiti con il Testo Unico del Turismo. Suddivisi per macro aree vediamo che negli Ambiti delle città d'arte (Arezzo, Area pratese, Firenze e dintorni, Piana di Lucca, Terre di Pisa, Terre di Siena) le registrazioni sono 10.535 per un totale di 47.359 posti letto.

“Lo strumento rende possibile alle amministrazioni di avere delle informazioni su un questo settore così importante, è un primo passo positivo ma si tratta di una goccia nell’oceano delle possibili iniziative per far fronte ad un problema enorme” è il parere del Sunia Toscana. Il torto degli affitti brevi è quello di aver ridotto l’offerta disponibile di alloggi, disgregando il tessuto sociale e culturale delle città, spingendo i canoni d’affitto troppo in alto. A Firenze un appartamento su quattro è adibito ad affitto breve, con una crescita del 60% dal 2015: Firenze ha la maggior concentrazione di affitti brevi, più di Roma e Venezia. Provocando l’esodo dei fiorentini verso le periferie: infatti sarebbero mille all’anno i residenti fiorentini che lasciano il centro cittadino, sfrattati dai proprietari in cerca di soluzioni più redditizie.

“Sarebbe necessario che, a livello centrale, il Governo intervenisse su alcuni aspetti, per definire la soglia oltre la quale si svolga attività imprenditoriale in caso di locazione turistica e per poter quindi equiparare ogni attività di impresa alla stesse regole. Ma sarebbe anche opportuno anche dare maggiori poteri ai sindaci per poter governare alcuni aspetti legati a questi fenomeni”, dice Laura Grandi, segretaria generale di Sunia Toscana- La locazione su Airbnb si è diffusa tanto rapidamente da causare in pochi anni un terremoto nella vita delle città, scacciando dalle loro abitazioni migliaia di residenti e di lavoratori, che non trovano più appartamenti destinati all’uso abitativo regolare. La massa dei turisti mordi e fuggi ha anche trasformato l’economia dei quartieri secondo le sue esigenze, come accaduto a Firenze, Pisa, Siena, Lucca. Secondo i dati raccolti da Sunia e Cgil, a Firenze tra ottobre 2017 e giugno 2019 quasi 700 persone sono state sfrattate per lasciare spazio ad affitti a breve termine e Airbnb. “In Toscana l’industria del turismo - conclude Laura Grandi - si sta impossessando delle strade, delle piazze e soprattutto delle case, cambiando il volto delle nostre città storiche e stravolgendone il tessuto sociale. Bisogna continuare ad investire nelle politiche abitative, perché la casa diventi diritto di tutti, soprattutto per i più deboli, e non sia solo fonte di profitto per pochi”.

Trovare una sistemazione in affitto nel mercato privato sarà più agevole per gli studenti universitari che si iscrivono agli Atenei della Toscana, grazie al nuovo servizio “Cerco Alloggio” finanziato dalla Regione Toscana e dall’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana. Si tratta di un servizio sviluppato per volontà della Regione Toscana e della Azienda Regionale per il Diritto allo Studio e reso disponibile mediante applicazione web-based, raggiungibile dalla home page del sito istituzione dell'Azienda DSU Toscana, per supportare gli universitari toscani, vincitori e non di borsa di studio e alloggio, nella ricerca di una sistemazione (posto letto e/o stanza e/o appartamento) nelle principali sedi di Ateneo: Firenze, Pisa e Siena, Gli studenti, tra cui gli studenti borsisti che si trovano nelle condizioni di chiedere e fruire del contributo affitto reso disponibile da ARDSU, possono consultare nel portale gli annunci completi di fotografie e tour virtuali di ogni ambiente, indirizzo, prezzi, contatti dei proprietari, ed altri dettagli utili. Ogni alloggio presente sulla piattaforma, prima della sua "pubblicazione" sul portale, viene visionato e verificato da parte dallo staff di Cerco Alloggio presente in ognuna delle città monitorate. Con tale servizio si ritiene che gli studenti possano arrivare molto più rapidamente a reperire adeguata risposta ai propri bisogni, con un più alto livello qualitativo della offerta. Si ritiene, infatti, che la piattaforma sia di stimolo anche per i proprietari di casa che, registrandosi e si proporranno, hanno la possibilità di fruire di un servizio qualificato di student housing che pubblica in dettaglio l'offerta e le relative condizioni, potranno accorciare gli i tempi usualmente impiegati per la locazione del proprio immobile. Tutti gli utenti registrati possono consultare la sezione "Modulistica" per scaricare i fac-simile dei contratti di locazione ed altre informazioni utili, ed inoltre, possono accedere alla funzionalità "Contratto digitale" per la compilazione semplificata del contratto di affitto e all'applicazione "Calcolo del canone concordato" per determinare il valore del canone per i contratti di locazione agevolati.

"Si tratta di una misura concreta che si inserisce a pieno titolo nelle politiche della Regione Toscana - dichiara la Vice Presidente e Assessora all'Università della Regione Toscana Monica Barni - per favore una sempre più forte cittadinanza studentesca ed il diritto allo studio. Con questa piattaforma online che facilita lo scambio di domanda e offerta, gli studenti universitari, in cerca di un alloggio nella sede del proprio ateneo e spesso in balia di affitti a prezzi molto alti o non regolari, potranno trovare una sistemazione affidabile ad un prezzo calmierato".

"Con questo nuovo ed ulteriore servizio e relativa piattaforma applicativa - dichiara il Presidente DSU Toscana Marco Moretti - rivolta agli studenti borsisti e non degli Atenei della Toscana, di facile utilizzo sia per chi cerca una opportunità che per i proprietari che propongono gli immobili, siamo certi di poter fornire adeguato contributo e supporto a tanti studenti fuori sede che hanno la necessità di reperire adeguata sistemazione. Si sottolinea che trattasi non di un semplice sito di annunci, ma gli studenti potranno contare su un servizio affidabile, di proposte visionate e coerenti informazioni, costantemente monitorato dalla nostra Azienda che si preoccuperà di garantire un controllo costante sulla resa dell’azione di incontro domanda-offerta di alloggio".


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it