Indietro

Empoli Calcio — rubrica a cura di Franca Ciari

Atalanta vs Empoli 0 - 0 L'Atalanta crea, l'Empoli si difende.

L’Atalanta non aggancia il Milan al quarto posto, anche se gioca a ritmi alti producendo molte occasioni che Dragowski rispedisce al mittente negando la rete a ad Hateboer, Freuler, Ilicic e Zapata con almeno tre prodezze. L'Empoli raggiunge quota 29 punti e si porta a -2 dal Bologna

Mister Andreazzoli inserisce dal 1’ minuto il greco Nikolau che ha già esordito in Champions League con l’Olympiacos. L’Empoli parte subito deciso con Farias cha al 3’ va vicino al vantaggio scongiurato subito da Gollini. Nell’Atalanta Ilicic si impone sulla scena quando i suoi piedi gestiscono il pallone e la musica cambia di melodia. La prima nota della melodia si ha quando Ilicic, grazie ad un suo assist, riesce a metter Hatebour davanti alla porta, anche se quest’ultimo non riesce a spingerla in rete. L’Atalanta crea gioco, un gioco che metterebbe in difficolta’ qualunque squadra e non solo l’Empoli che riesce a rendere meno efficiente del solito Ilicic oltre ad annullare Zapata, marcato a vista da Nikolaou, nonostante l’Empoli abbia dovuto far uscire due giocatori per infortunio. Antonelli (in lacrime) e Farias. A dieci minuti dalla fine l’Atalanta ritorna in cattedra sfiorando il vantaggio con Roon, Zapata, Freuler e Mancini. Da sottolineare i salvataggi sulla linea di Veseli e Di Lorenzo, oltre a un Dragowski che ha fatto almeno tre prodezze nell’arco di tutto il primo tempo.

Risultato primo tempo: Atlanta 0 Empoli 0

La ripresa si apre con la stessa dinamica con l’Atalanta che attacca e che domina sul possesso palla e l’Empoli che si difende. Ancora Hateboer si propone in altre due occasioni, la prima andata a vuoto per una conclusine alta da pochi metri, mentre sulla seconda eccelle Dragowski che gli fa rimaner in gola l’urlo del gol. Ancora Dragowski sul solito Hateboer ed anche su Zapata. Ormai, la sua porta, è diventata un bersaglio. A questo punto della gara Gasperini effettua i cambi facendo subentrare Barrow a Zapata. Castagne a Gosens e Piccoli per Gomez, anche se il pericolo viene sempre da Ilicic sventato sempre da Dragowski. L’occasione gol capita a Di Lorenzo che ritarda nella conclusione e che avrebbe consentito di agganciare il Bologna. La gara finisce in parità che serve poco ad entrambe le squadre per i propri obiettivi ma smuove la classifica e da morale, soprattutto all’Empoli le cui prossime gare saranno molto importanti per poter pianificare il proprio futuro nel prossimo campionato. Quale? Si vedrà di gara in gara, partendo già dalla prossima: la gara interna con la Spal di sabato 20 aprile. 

Empoli Calcio — rubrica a cura di Franca Ciari

Franca Ciari

Franca Ciari — Giornalista pubblicista di formazione classica giuridico-economica (commercialista laureata all'Università degli Studi di Siena). Vive a Empoli e si occupa di calcio dal 2008, in particolare della squadra di casa , protagonista da 30 anni della scena italiana del pallone professionistico

E-mail: francaciari@gmail.com


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it