Indietro

Collisione a poche miglia dall’Arcipelago Toscano: interrogazione a Montecitorio

"Crescente preoccupazione per la presenza di carburante sversato in mare"

Una interrogazione parlamentare su quanto accaduto domenica 7 ottobre al largo di Capo Corso, a poche miglia dall’Arcipelago Toscano. La stanno presentando in queste ore i parlamentari toscani di Forza Italia Stefano Mugnai, vice capogruppo alla Camera dei Deputati, ed Elisabetta Ripani, componente della IV commissione per la Difesa della Camera, alla luce della crescente preoccupazione per la presenza di carburante sversato in mare dopo la collisione tra la motonave tunisina Ulisse, che trasportava autocarri e automobili e la nave portacontainer Cls Virginia, battente bandiera cipriota.

“Alla preoccupazione per questo disastro ambientale sempre più difficile da gestire - commentano oggi Stefano Mugnai ed Elisabetta Ripani - verificatosi oltretutto in pieno Santuario dei Cetacei, a pochissima distanza dalle coste toscane e dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, che è l’area marina protetta più grande d’Europa, si aggiunge lo stupore per il silenzio della politica intorno alla evidente carenza di disciplina e di controllo del traffico marittimo in questo tratto del Mare Tirreno.

Una vera e propria autostrada del mare che sfiora isole e coste che fanno del proprio pregio ambientale e conseguentemente del turismo la propria principale risorsa, e che ricorrentemente mostra tutta la propria pericolosità.”“Il silenzio più preoccupante - aggiungono Mugnai e Ripani – arriva dall’isola d’Elba, dove si dovrebbe vigilare attentamente sulla tutela dell’ambiente marino, che è il primo volano turistico di quel territorio. Ci auguriamo di sentire al più presto anche le voci del Parco Nazionale e dei rappresentanti delle istituzioni territoriali che sono nel suo consiglio direttivo, per sollecitare il Governo ad una più attenta presenza”.


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it