Indietro

Mostre — rubrica a cura di Antonio Patruno

Ferragosto: a Livorno aperto il Museo della Città

Domenica 16 agosto all’interno del Museo e della mostra si terrà anche la performance dell’artista Claudia Calderano “Sulla distanza”

Livorno, 11 agosto 2020 - Mentre il Museo “G.Fattori” di Villa Mimbelli sarà chiuso, sarà aperto per Ferragosto, sabato 15 agosto, il Museo della Città ai Bottini dell’Olio (sezione arte contemporanea Luogo Pio, Piazza del Luogo Pio ), con la mostra “Progressiva. Arti visive a Livorno dal 1989 al 2020.

Domenica 16 agosto all’interno del Museo e della mostra si terrà anche la performance dell’artista Claudia Calderano “Sulla distanza”.

La mostra, realizzata dal Comune di Livorno con la collaborazione delle gallerie cittadine Galerie 21, Granelli, Peccolo, Giraldi, Guastalla, Gian Marco Casini Gallery vuole rendere omaggio all’impegno profuso dal secondo dopoguerra dalle istituzioni livornesi per la diffusione dell’arte contemporanea, a partire dalle iniziative della Casa della Cultura fino al Premio Modigliani, e culminato nel 1974 nella fondazione del Museo Progressivo d’Arte Contemporanea. Le emergenze storiche e qualitative del Museo Progressivo, oggi esposte nel Museo della Città, costituiranno il fondamentale antefatto ed integrazione alla mostra temporanea.

PROGRESSIVA, che si avvale del coordinamento scientifico di Nadia Marchioni, rappresenta uno spaccato dell’arte contemporanea a Livorno, segnalando le più significative personalità artistiche presentate da alcune gallerie dal 1989 (anno della chiusura del Museo Progressivo d’Arte Contemporanea) ad oggi, al fine di ricostruire, senza pretese di completezza, i lineamenti di un panorama estremamente vitale che conferma la continuità dell’attenzione, da parte della città, agli scenari del contemporaneo.

Orario di visita: dal martedì alla domenica dalle ore 18,00 alle ore 24,00 per il periodo dal 1° al 31 agosto 2020 (festivi compresi).

Visite guidate : dal martedì al giovedì ore 19.30

Ingresso mostra

biglietto ingresso intero € 5,00

biglietto ingresso ridotto € 3,00 (per minori di 18 anni e ultra sessantacinquenni)

biglietto cumulativo con il Museo Fattori per chi visita la Mostra Progressiva : intero € 8,00, ridotto € 6,00 (per minori di 18 anni e ultra sessantacinquenni )

visita guidata € 2,00 a persona (per gruppi di almeno 10 persone)

Le tariffe di ingresso alla mostra comprendono anche l'ingresso alla Sezione di Arte Contemporanea del Museo della Città (ex Chiesa del Luogo Pio)

Prenotazioni e info:

Tel:0586/824551
E-mail:prenotazionigruppi@itinera.info

PERFORMANCE Claudia Calderano SULLA DISTANZA

Domenica 16 Agosto al Museo della Città-Bottini dell'Olio

Piazza del Luogo Pio — 57125 Livorno , LI

Descrizione:

Secondo appuntamento nell’ambito della mostra PROGRESSIVA AL MUSEO DELLA CITTA'

ARTICOLAZIONE performance:

dalle 20 alle 21.15 primo ingresso pubblico

deformazione 1. Schifano (Scanavino e Crippa)

deformazione 2. Giraldi (e Geoffrey Hendricks e Philip Corner )

deformazione 3. 3. Spagnulo


dalle 21.30 secondo ingresso pubblico

deformazione 4. Isgrò

deformazione 5. Pascali

Coordinamento: coop Itinera

SCHEDA

Sulla distanza (da raccolta A Fuoco)

ideazione Claudia Caldarano

musica Filippo Conti


Si deforma l’espressione artistica italiana mettendo a fuoco, con una grande lente

d’ingrandimento, alcune opere della mostra "Progressiva" e della sezione Contemporanea

del Museo della città come il Grande Rettile di Pino Pascali e La corsa di Alma di Emilio

Isgrò. lo spettatore, vero protagonista, ridefinisce i significati delle opere a seconda del proprio punto di vista e del proprio spostamento.

L’opera non appartiene all’artista, è data allo sguardo dello spettatore come se fosse “data

alle fiamme”, messa a fuoco. Questo avvicinamento spoglia l’opera, la trasfigura. È il fatto

di “guardare” e di “spostarsi” che crea l’opera stessa e la sua replica: diventano tante

opere per quante persone guardano e per la successione di spostamenti che compiono, e

per il movimento che fanno osservando. Così è chiaro che lo sguardo di ognuno è

responsabile e coautore della visione e della narrazione secondo la propria curiosità. In

questo senso la narrazione è viva.

Linee guida per lo spettatore:

In base alla posizione e al movimento dello spettatore, in base alla sua distanza dalla lente

d’ingrandimento, e alla sua direzione e velocità di spostamento, lo spettatore può contrarre

lo spazio e il soggetto che si trovano al di là della lente e sperimentare una varietà infinita

di distorsioni visive, di relazioni e mescolamenti tra sfondo/paesaggio e soggetto/oggetto.

Il pubblico potrà assistere alle performance solo con il pagamento del biglietto mostra.

Per ogni serata delle tre programmate si prevedono due ingressi del pubblico preordinati alle 20.00 e alle 21.15 in modi da poter seguire la performance che si svilupperà nello spazio del museo

Per informazioni:

Museo della Città, Piazza del Luogo Pio

Tel:0586/824551

mail: museodellacitta@comune.livorno.it


Info sulla mostra PROGRESSIVA

http://www.comune.livorno.it/articolo/al-via-mostra-progressiva-arti-visive-livorno-dal-1989-al-2020-al-museo-della-citta


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it