Indietro

Governo, Confartigianato Firenze: “Siano mantenuti gli impegni su Peretola, Iva e lavoro”

Il presidente Sorani: “Basta stop alla nuova pista del Vespucci, ora s’ha da fare. Siamo oramai a un centimetro dall’obiettivo e ulteriori ritardi o incertezze sarebbero inaccettabili ”

Firenze, 5 settembre 2019 - “Il colore del Governo non mi importa molto, quello che alle imprese sta a cuore è che ci sia stabilità perché la stabilità, come dice l’andamento dello spread finalmente sotto quota 160, fa bene ai conti pubblici.Ciò che ci interessa è che siano mantenuti gli impegni presi a cominciare dallo stop al paventato aumento dell’Iva che, come tutti sanno, porterebbe a una contrazione dei consumi delle famiglie con gravi ripercussioni sul nostro sistema di imprese e quindi sull’occupazione” così Alessandro Sorani, presidente Confartigianato Firenze, saluta il nuovo Governo Conte che stamani ha giurato nelle mani del Presidente della Repubblica.

“Se poi guardo a Firenze e alla Toscana - aggiunge Sorani - per noi la priorità è lo sblocco delle opere pubbliche che da troppo tempo attendiamo e fra queste penso alla nuova pista dell’aeroporto Vespucci. Siamo oramai a un centimetro dall’obiettivo e ulteriori ritardi o incertezze sarebbero inaccettabili”.

“Quanto al lavoro che per noi resta la cartina di tornasole con cui misureremo tutte le azioni del Governo - conclude Sorani - noi chiediamo al Governo, ai ministri e alla nuova maggioranza parlamentare di ripensare il Reddito di Cittadinanza trasformandolo in Reddito di Formazione. Perché da una parte abbiamo migliaia di giovani che non trovano lavoro e dall’altra migliaia di aziende che non trovano le figure professionali di cui hanno bisogno. Far incrociare queste due esigenze non è complicato, basta, appunto, volerlo”.


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it