Indietro

"Il Salotto della Belle Époque", l'Orchestra Archè a Prato

Domani sera in Santa Chiara sarà suonata musica francese "impressionista", che proietterà l'ascoltatore nelle atmosfere dei salotti di un periodo affascinante, dalla fine dell'Ottocento all'inizio della prima guerra mondiale

Nell’ambito della Prato Estate, rassegna dell’Assessorato alla Cultura del Comune, giovedì 13 giugno alle ore 21.30, presso la Chiesa Santa Chiara, è in programma il concerto Il salotto della Belle Époque, a cura di Orchestra Archè.

Un programma di musica francese “impressionista”, composta nell’affasci­nante periodo della Belle Époque, pensato per proiettare l’ascoltatore nelle atmosfere raffinate dei salotti francesi dell’epoca. Questo periodo va dalla fine dell'Ottocento all'inizio della prima guerra mondiale.

Desiree del Santo, Alice Belardini Pini e Agostino Mattioni, rispettivamente flauto, arpa e viola, strumenti particolarmente apprezzati per la leggerezza, il calore e l'estasi sognante che di volta in volta riuscivano ad evocare con le loro caratteristiche sonore, si alterneranno in brani solistici, in duo o in trio, proponendo di volta in volta temi sentimentali e romantici o melodie evocative e sognanti, quasi sfuggenti. Raffinate e immateriali combinazioni armoniche che esaltano il timbro di ogni strumento.

Orchestra Arché, nata su iniziativa del Maestro Francesco Pasqualetti, ha debuttato con successo presso il Teatro Verdi di Pisa nel 2012. Nel Settembre 2016 ha vinto il XXIII premio Boris Christoff come migliore realtà emergente. L’organico è composto dai migliori giovani musicisti toscani, coadiuvati da professori d’orchestra provenienti dalle più prestigiose orchestre nazionali ed è caratterizzato da spirito di collaborazione e creatività.

Nell’ottica di una più ampia trasmissione del patrimonio culturale e artistico e per offrire uno sguardo più critico e rispondente alla realtà musicale attuale, l’Orchestra ha al suo interno anche un ensemble barocco, costituito dai componenti che hanno approfondito, nel loro percorso di studi e artistico, la prassi esecutiva su strumenti originali. Esso è di dimensioni variabili all’occasione e si cimenta nel repertorio delle varie scuole nazionali secondo un approccio filologico.

Evento a ingresso libero fino a esaurimento posti

Per informazioni:

0574 1835021 | 5152 | 7712


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it