Indietro

Spettacolo — rubrica a cura di Nicola Novelli

La cultura in tempi di sospensione degli spettacoli

I consigli degli operatori culturali e del teatro toscano

La rassegna il Libro della Vita di Scandicci si trova costretta a rimandare gli ultimi appuntamenti in programma, che saranno ricalendarizzati non appena sarà possibile farlo: "Per vivere più serenamente possibile questo difficile momento vi esortiamo a leggere della buona letteratura. Vi ricordiamo che potete farlo anche accedendo alla Biblioteca on line".

Anche la Camerata Strumentale Città di Prato si trova costretta a rimandare i concerti: "Siamo certi che tutti gli allievi della Scuola di musica Giuseppe Verdi approfitteranno di questo momento per esercitarsi con i loro strumenti e questo sarà sicuramente un tempo rubato alla noia. Vi ricordiamo che un modo semplice per restare in compagnia della musica è sintonizzarsi su Rete Toscana Classica (si può ascoltare in FM a Firenze, Prato e Pistoia sui 93,300 MHz; a Livorno, Lucca e Pisa sui 93,100 MHz.) o dal vostro televisore sul canale Radio 702, o 707 del Digitale Terrestre, o infine dal vostro pc. Nell'attesa che torni sulle nostre teste il puro ciel ed il chiaro sol che ci ha accompagnati in questa ultima stagione, abbiamo qualche consiglio da darvi: lavatevi le mani ed ascoltate buona musica".

Ed ecco i consigli di Andrea Kaemmerle, direttore artistico di Guascone Teatro, per chi non potrà andare a teatro: «Qui è il comandante che vi parla – spiega Andrea Kaemmerle – e stiamo attraversando un periodo di turbolenze virali, cerchiamo di mantenere la calma e la rotta. Ci uniformiamo agli ordini del Governo e dello Stato, ora che siamo bloccati tutti vi imponiamo di leggere libri belli, guardare al massimo due ore al giorno la televisione. Consentite sono solo Rai 5 Rai Movie e Rai Storia. Si sconsiglia fortemente tutto il resto. Noi faremo come i contadini che in tempo di pioggia stavano al calduccio a riparare i paracaduti della 2° guerra mondiale per la raccolta delle olive, intrecciavano cipolle ed agli, mettevano in ordine. Voi caro pubblico ci mancherete, molto, anche perché eravamo in procinto di un bel tour e di tre debutti importanti. Riguardatevi, riguardiamoci e mettiamoci in forma per una grandissima estate, un grande autunno e mille altre belle serate. Noi artisti di Guascone ci metteremo a provare nuovi spettacoli e leggere leggere leggere. Allacciate le cinture di sicurezza e niente panico».

Fotogallery


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it