Indietro

Fiorentina — rubrica a cura di Alessandro Lazzeri

La Fiorentina ferma l'Inter: al goal di Icardi risponde Simeone nel recupero

Buona gara dei Viola che dominano ma rischiano di perdere. La Fiorentina fa la partita ma non concretizza. Molte occasioni sprecate. Bene Simeone e Chiesa. Grande combattività e determinazione di un gruppo in crescita.

E' un pareggio che va stretto ai Viola che hanno dominato per lunghi tratti un'Inter macchinosa e poco brillante.

Viola subito pericolosi e più determinati. Al quinto Chiesa tira di poco alto, all'ottavo Simeone colpisce di testa ma la palla è sopra la traversa. Le occasioni sono tutte per i Viola che evidenziano un buon gioco in verticale, con Simeone e Chiesa particolarmente brillanti. Purtroppo le molte occasioni non si concretizzano aleggia sulla Fiorentina una sorta di “maledizione” dell'ultimo passaggio che regala nel corso della gara più di venti tiri in porta che producono solo cinque tiri nello specchio. All’undicesimo è Benassi a tirar male da buona posizione invitante. Al 14' è Thereau, servito da Chiesa , a mancare il goal del vantaggio.

L'Inter subisce il gioco brillante dei Viola che fanno la gara, sono veloci e precisi ma mancano clamorosamente il colpo da K.o. Intorno alla mezzora è ancora Thereau ad avere la palla giusta su assist di Chiesa ma il francese sbaglia ancora. In tutto il primo tempo l'unica occasione per l'Inter è un tiro di Perisic alto sulla traversa. La Fiorentina domina ma non punge. Si va al riposo su un risultato di a zero a zero che evidenzia , come è successo in altre occasioni, non poche difficoltà in fase realizzativa della squadra di Pioli.

Nel secondo tempo l'Inter aumenta d'intensità , alza il baricentro e al decimo trova l'immeritato vantaggio con Icardi che ribadisce in rete una respinta di Sportiello. I Viola non si demotivano e sono molto combattivi nel cercare il pareggio . Al dodicesimo Biraghi batte una splendida punizione che costringe Handanovic a un grande intervento.

Pioli toglie Thereau e Biraghi e schiera Eysseric e Babacar per dare più peso in avanti. La Fiorentina preme e mette in difficoltà i nerazzurri che controllano e cercano di agire in contropiede per chiudere la gara. Al 32’ Perisic in contropiede serve un ottimo cross per Borja Valero che di testa tira alto. Un minuto dopo Babacar si rende pericoloso con una bella rovesciata che Handanovic alza sulla traversa. Pioli schiera Gil Dias al posto di Veretout. La Fiorentina pressa e combatte in un finale generoso e sfortunato sino al 46' quando Simeone trova il pareggio su assist di Eysseric. La gara finisce in un pareggio che penalizza i Viola che avrebbero meritato la vittoria. E' un risultato comunque positivo. Una partita che regala solo un punto, ma molta autostima a una squadra che ha dimostrato di poter giocare a viso aperto anche con le grandi.

Queste le dichiarazioni di Stefano Pioli ai microfoni di Sky Sport:

“ Icardi? Sul gol di Mauro abbiamo concesso troppo spazio e un attaccante così furbo ci ha subito colpito. La partita poteva cambiare fossimo andati in vantaggio con le tante occasioni create e sarebbe stata un’altra partita. Sarebbe stato un peccato perdere vista la grande prestazione. Sono soddisfatto dei miei ragazzi. Obiettivi? L’obiettivo è crescere e di pensare di partita in partita. Non siamo superiori alle altre che lottano per l’Europa ma non siamo neanche inferiori. Oggi c’è comunque una notizia buona, quella abbiamo un punto in più rispetto al girone d’andata. Adesso dobbiamo riposare perché abbiamo lavorato tanto. La partita? Abbiamo giocato palla a terra anche dopo l’ingresso di Babacar, siamo stati bravi e fedeli ai nostri concetti di gioco. Alla fine siamo stati premiati e abbiamo evitato la beffa. Progetto viola? Continueremo a lavorare per migliorare e crescere. Sappiamo che non possiamo rifiatare troppo perché possiamo fare ancora meglio. Icardi-Simeone? Sono centravanti con caratteristiche diverse. Giovanni ha nella testa l’idea di migliorare e quando uno ha quella volontà lì la crescita arriverà. Chiaro che Icardi sia superiore al momento ma col tempo Giovanni crescerà tanto. Un attaccante non si può considerare solo per i gol”.

FIORENTINA (4-3-3): Sportiello; Laurini, Pezzella, Astori, Biraghi; Benassi (23' st Babacar), Badelj, Veretout (39' st Gil Dias); Chiesa, Simeone, Thereau (16' st Eysseric). Allenatore: Stefano Pioli

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo (36' st Candreva), Ranocchia (29' st Nagatomo), Skriniar, Santon; Vecino, Borja Valero; Joao Mario (19' st Dalbert), Brozovic, Perisic; Icardi. Allenatore: Spalletti

Arbitro: Valeri di Roma

Reti: 10' st Icardi; 46' st Simeone

Note: ammoniti Borja Valero, Ranocchia, Veretout, Astori, Icardi

Fiorentina — rubrica a cura di Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri — Giornalista e scrittore, laureato in Lettere, ha pubblicato su testate giornalistiche nazionali e locali (Paese Sera, Avanti, Teleregione, Industria Toscana, Michelangelo, Ricerche Storiche)

E-mail: arte@nove.firenze.it


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it