Indietro

Leggi razziali: da San Rossore la vergogna e le scuse della Toscana

Seduta del Consiglio regionale, all’interno della sala Giovanni Gronchi, dove è esposta la mostra itinerante dal titolo “1938-La Storia”. Andra e Tatiana Bucci, le due sorelle scampate all’orrore di Auschwitz, ospiti al congresso della Flc Cgil Firenze (giovedì 11 ottobre, ore 9:30-11, Aula Magna Polo Universitario Novoli)

In occasione dell’80° anniversario della promulgazione delle leggi razziali a San Rossore, l’Ente Parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli ospiterà fino al 5 novembre 2018, all’interno della Sala “Giovanni Gronchi”, la mostra itinerante dal titolo1938 La Storia, ideata e realizzata dalla Fondazione Museo della Shoah di Roma. La seduta del Consiglio regionale a San Rossore oggi, mercoledì 10 ottobre, è stata anche l’occasione per visitare la mostra e riflettere su uno dei periodi più bui della nostra storia.

“Ho voluto fortemente che la nostra Assemblea si riunisse proprio a San Rossore, da sempre luogo simbolo per chi ha responsabilità di governo”, ha esordito il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, proponendo un excursus storico: dal Granduca Pietro Leopoldo che il 30 novembre 1786 aboliva la pena di morte, con una firma al Palazzo Reale di Pisa, alle vicende di una città sempre pronta a ospitare, generazione dopo generazione, granduchi e importanti personalità della letteratura e delle istituzioni. “Ma se questi sono i momenti belli che ci rendono orgogliosi, come Regione Toscana, di avere in proprietà e gestire San Rossore – ha continuato il presidente – ci sono anche momenti brutti, quando Vittorio Emanuele III firmava il capitolo sulle leggi razziali”. “Ottanta anni dopo, la coscienza, la cultura, la civiltà della nostra Toscana si ribella con forza a quel triste capitolo di storia e, fisicamente, come Consiglio regionale ci riuniamo proprio in questa sede, nella sala dove è allestita la mostra, per dire no alle leggi razziali, per provare vergogna e per chiedere scusa a tutti coloro che sono stati condizionati da quella sciagurata legge”. “Il nostro rifiuto si leva forte e chiaro: non vogliamo più vedere né vivere momenti così drammatici”, ha concluso Giani.

La mostra, ideata e realizzata dalla Fondazione Museo della Shoah, spazia dal 1938 al 1943, quando il governo di un Paese che si considerava “civile” calpestò con violenza i diritti di una parte dei suoi cittadini. Tutte le persone di origini ebraiche, considerate inferiori dal punto di vista “biologico”, vennero infatti escluse da ogni ambito della società nazionale. Un capitolo tragico ricordato attraverso fotografie, manifesti, giornali, in gran parte inediti e originali, relativi all’intera realtà nazionale, provenienti da numerosi archivi e collezioni private. Trentasette pannelli, rigorosamente illustrati e documentati, raccontano il percorso che portò a quella disgraziata decisione, che ebbe il suo atto iniziale e definitivo proprio a San Rossore. La mostra si avvale del patrocinio della presidenza del Consiglio dei Ministri, del ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, della Regione Lazio, di Roma Capitale, dell’unione delle Comunità ebraiche italiane, e della Comunità ebraica di Roma. La visita della mostra è stata introdotta da Saulle Panizza, professore ordinario di diritto costituzionale dell’Università degli Studi di Pisa e dall’ingegner Bruno Possenti, presidente dell’A.N.P.I. di Pisa.

Non è un congresso ordinario, quello che la Flc Cgil di Firenze svolgerà domani giovedì 11 ottobre presso l'Aula Magna del Polo universitario di Novoli. Come tutte le categorie della Cgil, anche i lavoratori della Conoscenza (comprendente Scuola, Università, Ricerca e Alta Formazione Artistica e Musicale) svolgeranno il proprio dibattito, voteranno i documenti ed eleggeranno gli organismi direttivi. Ma questa parte - ovviamente cruciale nella vita di un sindacato - non costituirà il momento più significativo della giornata, che si aprirà con un evento di enorme portata: l'incontro con Andra e Tatiana Bucci, le due sorelle scampate all'orrore di Auschwitz (avevano 4 e 6 anni quando ci sono entrate), che saranno protagoniste dell'iniziativa Il valore della memoria per educare alla pace e alla democrazia (ore 9,30-11,00). Le sorelle Bucci - la cui vicenda è stata anche raccontata dal film d'animazione “La stella di Andra e Tati”, la cui proiezione aprirà l’iniziativa di domani all’Aula Magna del Polo di Novoli - sono tra le principali testimoni della deportazione e dello sterminio e negli ultimi anni, dopo essere tornate a Birkenau una prima volta nel 2005, si sono dedicate al racconto della loro tragica esperienza, partecipando anche al Treno della Memoria della Regione Toscana. Per la Flc di Firenze è il coronamento del lavoro di un anno, passato in prima linea a contrastare il ritorno di idee e movimenti neofascisti, iniziato con la campagna #D12 #SottoQualsiasiForma (campagna per l'applicazione della XII disposizione della Costituzione), proseguito con la partecipazione alla manifestazione #Maipiùfascismi e poi con il flash mob a sostegno della docente delle superiori dileggiata pesantemente sui social per il suo impegno antifascista. Per la FLC questo appuntamento è troppo importante per essere riservato ai soli delegati al congresso, per cui, nell'ottica di fornire la possibilità di partecipare all'incontro con le sorelle Bucci a giovani, studenti e cittadini di Firenze, il sindacato guidato da Paola Pisano ha scelto di organizzare il proprio congresso nell'immensa Aula Magna dell'Università di Novoli, una location ben più ampia rispetto a quelle allestite nel passato. Venerdì 12 ottobre la Flc accompagnerà Andra e Tatiana ad incontrare gli studenti delle classi del triennio del Liceo Agnoletti di Sesto Fiorentino (ore 11-13).


© 1997-2018 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it