Indietro

Mostre — rubrica a cura di Antonio Patruno

Museo Novecento, turn over di appuntamenti

Cinque nuove esposizioni in apertura il 12 luglio

Firenze, 10 luglio 2019 - Continua il turn over di appuntamenti al Museo Novecento, che va incontro ai prossimi mesi con cinque nuove mostre in apertura il 12 luglio. Prima tra le cinque esposizioni, che rientrano nel piano di valorizzazione del direttore artistico Sergio Risaliti, che ha scelto di puntare su un museo dinamico e sempre in grado di offrire proposte espositive nuove, “Nel Novecento. Da Modigliani a Schiele da De Chirico a Licini” (fino al 17 ottobre), mostra curata da Saretto Cincinelli e Stefano Marson che vede protagonista un gruppo di 42disegni di artisti italiani e stranieri del XX secolo, di proprietà della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma che mettono in dialogo il museo fiorentino e quello romano attraverso la figura di Alberto Dalla Ragione.

Altro fiore all’occhiello della proposta estiva è Solo. Gino Severini (fino al 10 ottobre) a cura di Lino Mannocci e Sergio Risaliti, monografica che si concentra sulla produzione dell’artista toscano risalente agli anni Venti e Trenta e che propone una selezione di opere in cui l’iconografia dei soggetti è legata alla Commedia dell’arte, al teatro e alla musica.

Sesto appuntamento per il progetto Paradigma. Il Tavolo dell'architetto a cura di Laura Andreini, dedicato al mondo dell’architettura, che per questa occasione (fino al 10 ottobre) vede protagonista l’architetto Adolfo Natalini e la miriade di disegni e schizzi che lo hanno accompagnato nel corso della sua lunga e prolifica carriera.

Lo spazio Room è invece dedicato alla prima mostra personale in un museo italiano dell’artista cilena Sandra Vásquez de la Horra (fino al 17 ottobre), intitolato Aguas profundas e curato da Rubina Romanelli,appuntamentoche dà nuova linfa alciclo di mostre di artiste donne iniziato con Maria Lai e proseguito con il duo Goldschmied & Chiari.

Chiude la tranche di mostre estive una nuova “mostra orizzontale” del progetto The Wall (format espositivo site-specific che propone la sintesi e l’elaborazione visiva tipica dell’infografica sviluppato lungo una parete di 12 metri), che per il secondo appuntamento consecutivo si intitola Sustainable Thinking Evolution ed è curata anche stavolta da Mario Cucinella Architects e SOS - School of Sustainability.

In un anno e poco più dal restyling degli spazi e dall'avvio del nuovo progetto scientifico culturale, il Museo Novecento si può finalmente definire come un vero museo-kunsthalle – spiega Sergio Risaliti, direttore artistico del Museo Novecento -, orientato sui diversi fronti della valorizzazione e dell'aggiornamento, con un'apertura che va dagli inizi del XX secolo all'attualità. Aprono al pubblico cinque nuove mostre studiate e costruite per soddisfare le diverse aspettative e i molteplici interessi scientifici e di gusto. La mostra dedicata a Gino Severini, nata dalla presenza di un piccolo gioiello nella Collezione Della Ragione, rappresenta un omaggio a uno dei protagonisti delle avanguardie del primo Novecento, che fu grande sperimentatore nel futurismo e innovativo nel ritorno al classicismo. Pulcinella, le maschere della commedia dell'arte, i giocatori di carte, le nature morte con piccioni e strumenti musicali, le rovine romane, il Mediterraneo, nei dipinti del pittore di Cortona riflettono sotto altra specie la realtà quotidiana. Siamo riusciti a riportare in Italia una serie di gouaches provenienti dalla collezione Sitwell collegate al celebre ciclo di affreschi realizzati da Severini nel Castello di Montegufoni per Sir George Sitwell tra il 1921 e il 1922, cui fanno da contraltare le tele realizzate per il collezionista Léonce Rosenberg a Parigi. Dobbiamo ringraziare per questa impresa i prestatori, tra cui compaiono sia musei che privati, ma anche gli eredi e i partner come la Banca Monte dei Paschi. A questa importantissima mostra se ne affianca un'altra, inimmaginabile fino a pochi mesi fa. In linea con le precedenti esposizioni incentrate sul disegno, presentiamo una preziosa selezione di opere su carta in collaborazione con la Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, grazie alla quale sono stati riannodati diversi fili, di storia e filologia, tra la collezione di disegno dell'istituzione romana e la raccolta Alberto Della Ragione. Il visitatore potrà ammirare magnifiche opere di Modigliani e de Chirico, di Schiele e Klimt, di Otto Dix e Kokoschka, di Guttuso e Mafai, di Licini e Martini. Una selezione di immagini di qualità eccelsa, espressione di un linguaggio grafico attraversato da sensazioni forti, di artisti messi alla prova dall'esperienza di ben due conflitti, che in mezzo secolo hanno disgregato i vecchi miti di civiltà e bellezza occidentali.

Dobbiamo la realizzazione della mostra alla direttrice della Galleria Nazionale, Cristiana Collu, e ai curatori Saretto Cincinelli e Stefano Marson, nonché a Leo France che ha sostenuto il progetto.

Il palinsesto di invenzioni, immagini, colori è ricco e le emozioni si susseguono di piano in piano, di sala in sala. Ospitiamo un nuovo Tavolo dell'architetto a cura di Laura Andreini. Ne è assoluto protagonista Adolfo Natalini, che qui si scopre non solo architetto tra i grandi del nostro tempo, ma anche esemplare produttore di opere grafiche e pittoriche. Natalini ci svela la sua passione per il disegno, in un progetto espositivo - realizzato grazie al sostegno di Manifattura Tabacchi e dell’azienda Sto - che lo tiene schiavo ogni giorno e da sempre con risultati di eccezionale valore artistico e concettuale.

Una bellissima, toccante scoperta saranno poi le opere di Sandra Vásquez de la Horra. L'artista cilena, di stanza a Berlino, mette in scena un mondo al femminile in cui tutto si mescola: religiosità e sessualità, antropologia e magia, metafisica e geologia. Iconografie che risuonano nella nostra coscienza e ci impongono un lavoro di introspezione personale e collettiva alla scoperta del ruolo centrale del femminile nell'universo.

Vero e proprio laboratorio del passato, presente e futuro, il Museo Novecento affronta il tema centrale della Sostenibilità e lo fa per la seconda volta con SOS, School of Sustainability, la scuola ideata da Mario Cucinella. Una nuova tappa del progetto The Wall, punta di diamante nella nostra sperimentazione museologica: un modo inedito ma attualissimo di impaginare ed esibire dati visivi e concetti, per approfondire storia e cultura generale e sviluppare una coscienza civile mettendo sotto esame la questione cruciale della sostenibilità, intesa anche nelle sue ricadute economiche e sociali. E se non bastasse presenteremo al pubblico due prodotti editoriali. Dopo cinque anni dalla sua apertura, finalmente, il Museo Novecento avrà una guida alla collezione Della Ragione in doppia lingua, uno strumento agile ma necessario alla valorizzazione delle opere e alla fruizione degli spettatori. E poi il Diario 2018-2019, la raccolta dei fogli critici dedicati ai primi 50 progetti realizzati in poco più di un anno al Museo”.

L’11 luglio alle 21:30, in occasione dell’opening delle mostre al Museo Novecento, si terrà il primo appuntamento di Firenze Suona Contemporanea (cartellone che rientra nel programma dell’Estate Fiorentina) che vedrà esibirsi Claudio Jacomucci in un recital per fisarmonica su musiche di Toshio Hosokawa, Yuji Takahashi, Akemi Naito, Martin Lohse, Stefano Scodanibbio, György Ligeti e Claudio Jacomucci. 

Fotogallery


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it