Indietro

Spettacolo — rubrica a cura di Antonio Patruno

Odeon Firenze: omaggio ad Agnès Varda (doppio)

Lunedì 2 e domenica 8 marzo riflettori puntati sulla grande regista francese scomparsa un anno fa

Lunedì 2 marzo e domenica 8 marzo un doppio evento speciale al Cinema Odeon di Firenze, che presenta l'omaggio ad Agnès Varda, la grande regista francese scomparsa un anno fa a 90 anni, autrice simbolo della Nouvelle Vague e iconadel femminismo.

Lunedì 2 marzo (ore 21) il suo ultimo film, VARDA PAR AGNÈS (versione originale francese con sottotitoli in italiano), che racconta la sua vita e la sua opera. Una voce unica nel coro Nouvelle vague, prima regista donna a ricevere un Oscar alla carriera, nata fotografa, Varda per oltre settant'anni ha girato film con lo stesso contagioso piacere, senza distinzioni tra generi, formati, durate, fiction o verité. Un cinema in prima persona, singolare, fatto di di luoghi, di strade, di attese, lo sguardo che si fa all’occorrenza femminista e sociale, senza perdere in libertà poetica. Una grande signora del cinema che negli anni ha portato sullo schermo i volti, le vite, i pensieri di tante altre donne, sempre ascoltando la loro ‘voce’ e la propria volontà di autrice, senza cedimenti a nessun vincolo esterno. «Nel 1994, in coincidenza con una retrospettiva alla Cinémathèque Française, ho pubblicato un libro intitolato Varda par Agnès – ha dichiarato la regista - Venticinque anni dopo, lo stesso titolo viene dato al mio film fatto di immagini in movimento e di parole. Il progetto è lo stesso: fornire le chiavi della mia opera. Il film si divide in due parti, una per secolo. Il Ventesimo secolo va dal mio primo lungometraggio “La Pointe courte” nel 1954 all'ultimo del 1996, “Cento e una notte”. Nel mezzo ho girato documentari, film, sia lunghi che brevi. La seconda parte inizia nel Ventunesimo secolo, quando le piccole cineprese digitali hanno cambiato il mio approccio al documentario, da “Les Glaneurs” et la glaneuse nel 2000 a “Visages, Villages” diretto con JR nel 2017. Ma in quel periodo ho creato soprattutto installazioni d’arte, i “Triptyques atypiques”, “Le Cabanes de Cinéma”, e ho continuato a fare documentari, come “Les Plages d’Agnès”. Tra le due parti c’è un piccolo promemoria della mia prima vita di fotografa. […] Potremmo chiamarla “lezione magistrale”, ma non mi sento una maestra e non ho mai insegnato. Non mi piace l’idea. Non volevo farne una cosa noiosa. Così si svolge in un teatro pieno di gente, o in un giardino, e cerco di essere me stessa e di trasmettere l’energia o l’intenzione o il sentimento che voglio condividere. È quello che chiamo “cinescrittura”, in cui le scelte partecipano a qualcosa che si chiama stile».

Per la Festa della Donna, Domenica 8 Marzo ore 18.30 (con replica Lunedì 9 Marzo ore 21), un grande capolavoro della regista , CLÉO DE 5 À 7, in versione restaurata (in originale francese con sottotitoli in italiano). Protagonista del film è una giovane cantante che aspetta un referto medico, sicura di essere molto malata. D'un tratto, nella sua vita di ragazza egoista e viziata, s’insinua una nuova emozione che le apre gli occhi: la paura della morte. Il film è un ritratto di Cléo colta nell’ansia dell’attesa. Cléo cammina per le strade del suo quartiere, Montparnasse, e si fa notare. Ma quel giorno nota anche lei parecchie cose, alle quali non aveva badato prima. Si ferma un momento al caffè del Dôme, poi va a trovare, in uno studio di pittura, la sua amica Dorotea, una modella, e insieme fanno delle commissioni. Per caso assistono alla fine di un film e per disgrazia ad un incidente stradale. Le due ragazze si separano; Clèo, di nuovo sola, attraversa il parco di Montsouris. Per la prima volta si lascia avvicinare da un ragazzo: un soldato in licenza. Insieme vanno fino all’ospedale per conoscere l’esito dell’esame radiologico. Due ore di tempo (quasi) reale per conoscere Cléo, graziosa, capricciosa, narcisista chanteuse parigina, una convinta che “essere brutte è come essere morte”. Alla vera mortalità la confronta l’attesa di un responso radiologico, mentre una Parigi-verité le scorre intorno. Risposta matura, e femminile, ai tanti ritratti di donna godardiana.

Il film sarà preceduto dal cortometraggio (8′, 1975), sempre diretto da Agnès Varda, REPONSE DES FEMMES: Antenne 2 chiede a sette registe di rispondere in sette minuti alla domanda: “Che cos’è una donna?”. Agnès Varda risponde con un ciné-tract: alcune donne discutono di sesso, desiderio, pubblicità e bambini (averne o non averne). Una donna nuda e incinta che danza e ride a squarciagola suscitò allora proteste scritte di alcuni telespettatori.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

Tel. 055-214068

Biglietto: euro 10

www.odeonfirenze.com


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it