Indietro

Tav: bocciata la mozione No del M5S, ripartono tutti i cantieri?

La maggioranza di governo si è spaccata. Con 181 voti il Senato ha bocciato la mozione presentata dal Movimento 5 stelle. Successivamente sono state approvate quelle presentate da Pd, Più Europa, Fdi e Fi, rispettivamente con 180, 181, 181 e 182 voti favorevoli

(DIRE) Firenze, 7 ago. - "Forse, il modo migliore per fare oggi opposizione sarebbe chiedere la parola per elencare tutto quello che e' fermo in Italia in materia di infrastrutture". Lo afferma il presidente della Toscana, Enrico Rossi, commentando su Facebook il dibattito e la votazioni al Senato sulle mozioni sulla Tav Torino-Lione. Una giornata che, ad avviso di Rossi, non produrra' nessuna crisi della maggioranza gialloverde. Il governatore anziche' puntare a una caduta dell'esecutivo Lega-5 Stelle invita ad accendere riflettori su tutte le opere pubbliche paralizzate dal dibattito nazionale. E da' in qualche modo il buon esempio menzionando i lavori pubblici piu' attesi in Toscana: la messa in sicurezza a quattro corsie della variante Aurelia tirrenica, il sotto attraversamento ferroviario e la nuova stazione di Firenze, le corsie autostradali su A11 e A1 sui tratti saturi, l'adeguamento dell'aeroporto di Firenze e del porto di Livorno, il completamento degli interventi ferroviari verso Lucca e verso Siena. "Faccio notare- prosegue Rossi- alle anime belle della decrescita felice che ho fatto un elenco di ristrutturazioni, adeguamenti e potenziamenti di infrastrutture gia' esistenti". Sul tema il presidente della Regione invita tutti a integrare la lista con le opere conosciute, in discussione da decenni e che non fanno passi avanti neppure con Lega e 5 stelle alla guida del Paese. "Il Pd dovrebbe promuovere comitati di lotta -sostiene- perche' questi interventi si facciano bene e presto. In questo modo, io credo, si puo' presentare il conto a questo governo di perditempo che su tutto fallisce".

"Per l'ennesima volta il governo mostra tutta la sua debolezza, con il M5s che perde la faccia anche sulla Tav e la Lega che festeggia. Ora non ci sono alibi per finire il sottoattraversamento dell'alta velocita' a Firenze, salvare le imprese e ridare lavoro agli operai". Lo afferma su Facebook il sindaco di Firenze, Dario Nardella, commentando il voto in Senato di oggi in merito alle mozioni sulla Torino-Lione. (Cap/ Dire)


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it