Indietro

Uno scialbo pareggio e un punto per la salvezza

La Fiorentina non riesce a vincere al Franchi. Prova ordinata e mediocre di una squadra che non concretizza. Ribery illumina ma nessuno risolve. Ottimo Dragowski, bene Duncan, in ombra Chiesa e Vlahovic. Buon esordio di Kouame

La Fiorentina gioca meglio in trasferta ed ha sempre una certa difficoltà a costruire gioco. Col Cagliari sono emerse le solite difficoltà, anche se nel complesso la squadra ha disputato una partita accettabile rispetto alla disastrosa gara col Sassuolo. Ma non ci siamo, anche se non sono mancate le occasioni per i viola di passare in vantaggio. Il Cagliari per lunghi tratti di gara ha messo in apprensione i difensori viola che coadiuvati da un ottimo Dragowski sono riusciti a contenere gli spunti di Naingolan, Simeone e Jao Pedro.

In avvio è il Cagliari a essere pericoloso già al primo minuto con un al tiro di Nainggolan fuori di poco. La squadra di Zenga prende in mano le redini della partita. Al quinto minuto l'ex Simeone anticipa tutti e batte Dragowski, ma l'arbitro annulla per un fuorigioco millimetrico.

La Fiorentina è poco determinata in avanti, il Cagliari che sembra ben messo in campo controlla e si affida a pericolose ripartenze. Al sedicesimo Birsa serve una magnifica palla per Simeone che è anticipato da Dragowski. Al 26’ arriva la risposta della Fiorentina con Ribery che serve Lirola. Lo spagnolo s’invola sulla sinistra e confeziona un tiro troppo debole per impensierire Cragno. I viola, col passare dei minuti, acquistano più fluidità di manovra. Il Cagliari arretra. La Fiorentina ha un'occasione al 36', dopo un bello scambio Lirola- Ribery, ma il francese è involontariamente ostacolato da Chiesa. Due minuti dopo una conclusione di Duncan colpisce il palo. Al 40' ci prova anche Ceccherini, servito da Caceres, ma il tiro finisce fuori d'un soffio. Il Cagliari riparte e al 44' Joao Pedro chiama Dragowski a una buona deviazione. Prima della fine del tempo è Ribery a provarci con un tiro cui Cragno s'oppone con bravura.

Nella ripresa Iachini inserisce Ghezzal al posto di un Chiesa, decisamente in ombra. Il Cagliari è più incisivo e ha un'ottima occasione al nono minuto, quando Nainggolan serve Nandez che tira ma Dragowski para con sicurezza. Due minuti dopo è ancora il portiere viola a salvare il risultato su un tiro di Nandez e sulla successiva ribattuta di Simeone. Al sedicesimo è ancora Simeone, su un cross di Nainggolan a impegnare Dragowski. Tra i viola decisamente in calo in questa fase della gara Ribéry è sempre il migliore dei viola, l'unico che con le sue invenzioni tiene in apprensione la difesa cagliaritana. Al 29' il fuoriclasse francese esce per Kouame all'esordio dopo il grave infortunio, mentre Cutrone prende il posto di un opaco Vlahovic.

Kouame debutta in viola e sfiora subito il goal con un bel colpo di testa che Cragno. Proprio nel finale dopo un angolo di Pulgar, di Cutrone la palla arriva a Kouame ma il tiro è respinto. Si chiude con un pareggio tra due squadre che non hanno brillato e, complice il caldo, hanno giocato a ritmi blandi. Per la Fiorentina è un punto importante che le permette di tenere a otto punti il Genoa sconfitto dal Napoli e di guardare con moderato ottimismo alle prossime gare.

Beppe Iachini a Sky ha commentato la partita : “Si poteva segnare perché abbiamo avuto le opportunità. Giocare dopo tre giorni è stato impegnativo e faticoso ma siamo partiti con le tre punte per provare a incidere subito sul risultato. Abbiamo colpito il palo e poi abbiamo avuto qualche occasioni. Abbiamo anche subito ma la squadra ha sempre provato a fare goal e a vincere. Abbiamo provato tutto e di più per vincere, c’è rammarico. Guardiamo avanti. Ci sta mancando la rete in questo momento ma abbiamo anche sfortuna”. Il tecnico ha sottolineato la prova di Ribery:

“Non giocava da sette mesi ma faccio molta fatica a non farlo giocare dall’inizio o a sostituirlo. Va fatto respirare anche lui altrimenti si rischia di perderlo. Ha fatto una buona gara. Anche a lui è mancato solo il gol. Sta dando tanto alla squadra. Ora pensiamo alla prossima gara e recuperiamo energie”. Interrogato sull'esordio di Kouame: “Sono felice che dopo sette mesi sia tornato in campo. Da parte mia c’è voglia di poterlo utilizzare. Vediamo perché lo stiamo monitorando di volta in volta. Purtroppo ha saltato anche il suo recupero nei mesi di lockdown. Ora lo valuteremo di volta in volta. Ci può dare una grande mano“

Fiorentina-Cagliari 0-0

.FIORENTINA (3-4-3): Dragowski; Milenkovic, Ceccherini, Caceres; Venuti, Duncan, Badelj (14' st Pulgar), Lirola (13' st Dalbert); Chiesa (1' st Ghezzal), Vlahovic (29' st Cutrone), Ribéry (29' st Kouame). Allenatore: Giuseppe Iachini.

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Mattiello, Klavan, Walukiewicz, Lykogiannis; Nandez, Rog (17' st Ionita), Nainggolan; Birsa (33' st Faragò); Joao Pedro (17' st Ragatzu), Simeone. Allenatore: Walter Zenga.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo

Note: ammoniti Chiesa, Mattiello, Duncan, Lykogiannis

Alessandro Lazzeri
© Riproduzione riservata


© 1997-2019 Nove da Firenze. Dal 1997 il primo giornale on line di Firenze. Reg. Trib. Firenze n. 4877 del 31/03/99

Powered by Aperion.it